Ultimo tango a Parigi: Bertolucci ammette: ‘la scena del burro non fu consensuale’

Il regista del capolavoro Ultimo tango a Parigi, Bernardo Bertolucci, ha confessato che lui e Marlon Brando hanno attuato una congiura contro l’attrice Maria Schneider. Il riferimento è alla celebre scena dello stupro in cui l’attore ha utilizzato un panetto di burro come lubrificante per simulare il sesso. Il regista ha affrontato la scena dello stupro non consensuale in una intervista recentemente riemersa del 2013.

Secondo Bertolucci, lui e Brando hanno accettato di non dire alla Schneider cosa sarebbe successo a lei perché volevano la sua reazione “come una ragazza, non come un’attrice.” Ha detto che lui e la Schneider, che è morta nel 2011, non si sono più visti dopo il film perché lei lo odiava.

Ultimo tango a Parigi: Bertolucci ammette: ‘la scena del burro non fu consensuale’

Nell’intervista, Bertolucci racconta l’origine della scena di stupro tra Marlon Brando, che  all’epoca era 48enne e Maria Schneider, che aveva solo 19 anni.

“Stavamo facendo, con Marlon [Brando], colazione al piano dell’appartamento dove stavo girando,” ha detto. “C’era una baguette, c’era il burro e ci siamo guardati in faccia e, senza dire nulla, sapevamo quello che volevamo.”

Ha aggiunto, “Diciamo che sono stato abbastanza orribile con Maria perché non le ho detto cosa stava succedendo.”

Il regista ha confessato che si sente in colpa per non averle raccontato della Scena del burro, ma lui non si pente della sua decisione di girare quella scena e in quel modo.

“Non volevo umiliare Maria e non volevo la sua rabbia,” ha detto. “Volevo da Maria una vera reazione e non una parte attoriale meramente interpretata. Poi mi avrebbe odiato per tutta la vita”.

Prima della sua morte, la Schneider aveva parlato fuori dai riflettori, anche in un’intervista al Daily Mail in cui ha detto: “Mi sono sentita umiliata e ad essere onesti, mi sentivo un po’ violentata, sia da Marlon che da Bertolucci. Dopo la scena, Marlon non mi ha consolata o chiesto scusa. Per fortuna, c’era solo una sola ripresa di quella scena”.

Articoli correlati