25 scene della saga Alien che forse non ricordavi

Da leggere

Benvenuto sulla Terra: nel trailer della serie esploriamo il nostro pianeta con Will Smith

Benvenuto sulla Terra arriva su Disney+ a dicembre 2021 Benvenuto sulla Terra è la nuova docuserie National Geographic interamente presentata...

Netflix fornisce interessanti dati sui contenuti più visti della piattaforma

Netflix è ancora nell'Olimpo dei servizi più potenti del mondo dello streaming Netflix, servizio di streaming tra i più potenti...

Jumanji: in Italia la prima attrazione ispirata al film

Jumanji arriva nel nostro paese in maniera insolita Jumanji, noto film action e fantasy che ha debuttato sul grande schermo...

Alien di Ridley Scott fa parte di una quadrilogia (esclusi gli spinoff di Alien vs Predator e gli apocrifi dilettantistici Alien sulla terra) che è di fatto entrata nella storia e nel cuore dei fan diventando un vero e proprio modus vivendi. Dal primo claustrofobico episodio di Ridley Scott al battagliero e catastrofico secondo episodio di James Cameron passando per i cunicoli dell’Alien 3 di David Fincher arrivando alla mescolanza e alla chimera del quarto episodio diretta da Jean Pierre Jeaunet. Ma i fan davvero sfegatati della serie ricordano davvero tutti i momenti più terrificanti ed emozionanti della serie sci-fi più famosa di sempre?

Siete pronti a vivere un viaggio composto da ben 25 tappe dove il terrore e l’avventura copulano selvaggiamente dando vita alle vostre più inconsce paure? Siete pronti a tornare sul Nostromo, sul pianeta LV 426 e a fuggire all’interno della colonia penale di FURY 161?

SCENA 1 – LA CENA DEI CAMIONISTI

Dinner-table-banter-Alien
Cortesia di 20th Century Fox

L’intenzione di Ridley Scott e dello sceneggiatore Dan O’Bannon era di dipingere l’equipaggio del Nostromo come, in sostanza, camionisti nello spazio,” e c’è un chiaro rimando a questo concetto soprattutto sull’abbigliamento dei personaggi. La loro chiassosa prima conversazione intorno al tavolo da pranzo è giustappunto una stonatura per l’elegante sequenza di apertura che precede direttamente questa riunione altamente conviviale.

SCENA 2 – L’ULTIMO PASTO DI KANE

Cosa dire di questo storico momento? Forse uno dei più esaltanti e spaventosi nella storia del cinema. L’effetto è mostruoso, il mostro sfonda il torace di Kane e con un abile primo piano mostra tutta la sua ferocia. Davvero terrificante, considerando che siamo nel 1979.

SCENA 3 – LA MORTE ARRIVA DALL’ALTO

Alien cresce, si evolve e comincia la sua lunga scia di sangue, il primo a perire per mano dello Xenomorfo è Brett, spedito alla ricerca del gatto Jones. Straordinario l’effetto di luce presente nella scena e meravigliosa la creatura mossa del genio di Carlo Rambaldi.

SCENA 4 – OCCHI DI GATTO

alien_cat-01

A memoria non si ricorda un close-up più degno di questo. Alien afferra Brett e Jones guarda attonito la scena, i suoi occhi felini avvolti nell’oscurità danno la dimensione di cosa sia la paura.

SCENA 5 – “DALLAS È DIETRO DI TE”

Dallas-gets-the-shaft-Alien

La scena in cui Dallas viene strappato nel pozzo di ventilazione è efficace per diverse ragioni: 1) al buio, in un ambiente claustrofobico, 2) le sempre più frenetiche istruzioni di navigazione di Veronica Cartwright, 3) il suono beepbeep inquietante emesso dal tracker e 4) il folle salto di spavento che conclude il tutto. Ridley Scott suona come un pianoforte in questa scena, il ritmo è in salita.

SCENA 6 – CARNE DA MACELLO

The-Companys-agenda-revealed-Alien

Equipaggio sacrificabile“. Con queste parole agghiaccianti vengono spiegate le ragioni della deviazione inaspettata del Nostromo. E tutto diventa chiaro raccogliere il campione di alieni e riportarlo sulla Terra, le vite umane sono sacrificabili. Ian Holm porta una qualità agghiacciante negli occhi di Ash, che qui è scoperto come un androide dal sangue bianco totalmente al servizio della compagnia di navigazione.

SCENA 7 – LAMBERT: LA DIMENTICATA

Veronica-Cartwright-Alien

Nello schema del primo film la performance di Sigourney Weaver ottiene la maggior parte delle attenzioni e giustamente ma Veronica Cartwright merita un riconoscimento per aver saputo  trasformare in una performance sapientemente freaked-out come Lambert, capo navigatore del Nostromo. Come chiunque abbia visto la fine choc de “L’invasione degli ultracorpi” , nessuno interpreta in maniera viscerale il terrore frenetico come lei. “Mi hanno convinta e quando ho sentito i timori del pubblico ho pensato , allora tutto è andato bene”.

SCENA 8 – LA FINE DI LAMBERT E PARKER

Quando Robert Ebert definì Alien” “fondamentalmente solo un intergalattico thriller di una casa stregata all interno di una nave spazialenon è stato inteso come un complimento, ma il film di Ridley Scott è, in fondo, un film di puro sangue, un vero horror. Il chestburster può essere il momento più scioccante del film, ma la scena della morte di Lambert e Parker  è altrettanto spaventosa. Il suono di urla terrorizzate di Lambert echeggiano attraverso i corridoi bui e deserti della Nostromo, veramente agghiacciante.

SCENA 9 – “YOU ARE MY LUCKY STAR”

Alien (1979)

Era apparentemente un’idea di Sigourney Weaver cantare con voce tremante  “You Are My Lucky Star” per calmare se stessa durante il suo scontro finale con l’Alien, ed era una brillante idea; la sua interpretazione gaspy della melodia aggiunge una nota profondamente umana ad una scena orribile. Alcuni dei momenti migliori del franchising ammontano ad uno studio di contrasti, e la romantica ode “Broadway Melodypresta un tocco ironico al primo incontro di Ripley faccia a faccia con un Xenomorfo adulto.

SCENA 10 – PIÙ PALLE DI UN UOMO

Jenette Goldstein è ricordata come Vasquez nel secondo film di Alien e la scena in palestra ci regala una delle migliori linee guida del film: Hey Vasquez, sei mai stato scambiato per un uomo?” chiede Hudson (Bill Paxton). No,” risponde. “E tu?” è chiaro che l’attrice ha subito una completa trasformazione per questo ruolo, e lei vive completamente la parte di un soldato donna che dimostra di essere più tosta di quanto lo siano la maggior parte dei suoi colleghi maschi.

SCENA 11 – “VOGLIO RAFFICHE BREVI E MIRATE”

Theyre-everywhere-Aliens

Il momento in cui “Aliens” irrompe in modalità action-movie è la sequenza in cui i marines incalliti vengono attaccati da tutti i lati da un esercito virtuale di Xenomorfi. Harkening torna sulla scena della scomparsa di Dallas nel primo film, Cameron utilizza abilmente il suono del tracker di movimento per amplificare la tensione, e il modo in cui i marines rispondono mentre sono assediati dalla orda viscida è avvincente. Notevole anche la scena che riprende Ripley spettatrice impotente del massacro. “Fuori dalla palle Gorman”.

SCENA 12 – “ORA SI CHE SIAMO NELLA MERDA”

Il personaggio di Bill Paxton per molti versi è una decostruzione del mito di Stallone Il testosterone maschile alimentato dall’essere sbruffone che in fondo in fondo, probabilmente nasconde una paura molto più accentuata degli altri.

SCENA 13 – SEX IN THE SPACE?

Ripley-and-Hicks-Aliens

Ripley è dato pochi momenti per mostrare il suo lato erotico nella serie, quindi è bello vedere Cameron intrattenere qualche tensione sessuale giocosa tra lei e Hicks (Michael Biehn) in mezzo al caos alimentato dagli Xenomorfi. Il loro semicorteggiamento è soddisfacente a) perché non siamo sottoposti a una scena altamente irrealistica dove magari hanno consumato la loro relazione su un pavimento di metallo freddo; b) perché permette a Ripley di mostrare un lato più dolce, senza tradire la forza intrinseca e la posizione dominante del suo carattere e c) perché Hicks la rispetta chiaramente da pari a pari. Guardate la scena in cui Hicks le mostra come utilizzare una nuova arma da fuoco: si tratta di una scena perfetta che opera su una serie di livelli diversi tutti in una sola volta.

SCENA 14 – “NEWT È VIVA, NEWT È VIVA”

Newt-gets-taken-Aliens

Notiamo un insieme di contrasti. La vista del viso dolce di Carrie Henn mentre viene strappato da un viscido mostro alieno che emerge come un angelo della morte da una pozza di acqua naturale. Terrificante.

SCENA 15 – LA REGINA DELLE REGINE

Alien-Queen-reveal-Aliens

La madre di tutti i mostri del cinema è la Regina Alien di Stan Winston, una spinosa, creazione statuaria che mette il suo TRex di Jurassic Park” nella più totale vergogna. Il lento movimento retroilluminato che rivela la creatura è un grande momento del film, e Cameron ci dà grande assaggio di cosa vuol dire fare cinema. Lavoro che ha portato Winstona vincere un meritato Oscar.

SCENA 16 – IL TEMPO CHE SCORRE

Just-in-the-nick-of-time-Aliens

Tutta la prima sequenza di inseguimento con la Regina Alien è incredibile, ma nessun momento può battere l’aspetto climatico dell’ultimo minuto del dropship della Sulaco di un rigonfiamento trionfale del punteggio totale di James Horner.

SCENA 17 – BISHOP CRASH

Bishop-splits-Aliens

Poco dopo essersi rifugiati all’interno della Sulaco, Ripley ringrazia Bishop del suo salvataggio, poco dopo l’androide subisce una triste sorpresa…

SCENA 18 – IL CORAGGIO DI RIPLEY

La frase che più di tutte rappresenta il franchise di Alien. ” Sta lontano da lei, maledetta”

SCENA 19 – PIANTO DI MADRE

Ashes-to-ashes-Alien-3

Molti fan sono indignati che Newt e Hicks non sono sopravvissuti alla totalità di “Aliens” solo per essere inviati nella prima scena di “Alien 3“, ma sia per Fincher che per il credito di Weaver abbiamo veramente sentito il peso della loro perdita; non è come se fossero stati semplicemente uccisi e dimenticati. La scena in cui i due sono cremati è intervallata con la vista di uno xenomorfo che pratica una rottura dello stomaco di un cane (un bue nel taglio di montaggio) una stonatura, giustapposizione metaforica che per fortuna non distoglie l’attenzione di Dillon (Charles S. Dutton) e Ripley.

SCENA 20 – UNA NUOVA RIPLEY

Ripleys-shaved-head-Alien-3

La testa calva della Weaver è visivamente indicativa di un ricambio è una suggestiva immagine. Se ci pensate, questo era in realtà piuttosto una scelta audace della Weaver e il franchising nel suo complesso, che è, ovviamente, una parte di ciò che rende la serie così speciale: in particolare per un franchising di studio, è piuttosto sorprendente come ogni film sia diverso dal precedente.

SCENA 21 – IL BACIO CON IL MOSTRO

Up-close-and-personal-Alien-3

Se ci fosse un punto di vendita importante nel trailer di Alien 3“, sicuramente sarebbe rappresentato dalla vista di Ripley accantonata contro un muro in primo piano dalle fauci grondanti di uno Xenomorfo. Si tratta di un suggestivo, orribile, momento stranamente sensuale tra la bellezza e la bestia che è andata a diventare uno dei punti di riferimento visivi più iconici di tutta la serie.

SCENA 22 – IL VOLO D’ANGELO

Nel momento in cui si conclude effettivamente “l’originale Ripley” nel franchising “Alien 3 ” è il culmine inquietante, che vede la nostra eroina sacrificarsi per l’umanità cadendo elegantemente all’indietro in una fossa gigante di fuoco. Il film può essere all’altezza dei suoi predecessori, ma direi che è il film più emozionante e inquietante nel franchising.

SCENA 23 – LA MORTE CORRE SOTT’ACQUA

Underwater-pursuit-Alien-Resurrection

Uno dei momenti iconici che “Resurrectionoffre è una sequenza di inseguimento da brivido quando Ripley e co. sono inseguiti da Xenomorfi attraverso una cucina sommersa. Come splendidamente fotografato dal direttore della fotografia candidato all’Oscar Darius Khondji, la sequenza è forse ancora più bella di quello che possa rappresentare davvero l’emozione.

SCENA 24 – RIPLEY 8

Confronting-the-clones-Alien-Resurrection

Alien: Resurrection può effettivamente contenere la scena più inquietante e unica di tutto il franchise. Viene fornita con la scoperta di Ripley 8″ dei sette cloni falliti che sono venuti prima di lei, i quali rappresentano orribilmente le strazianti versioni del prodotto finale. Una scena che forse più di tutte rappresenta la quintessenza del quarto capitolo della saga.

SCENA 25 – LA NUOVA CARNE

The-Newborn-Alien-Resurrection
 L‘introduzione del tanto vituperato ibrido umano / alieno soprannominato il neonato si stringe, in una scena al limite della trascendenza umana, a mamma Ripley, il cui DNA è stato usato per crearlo. Il viscido, creazione animatronic pallida è stato portato in vita con l’aiuto di nove puppeters, e l’emozione veicolata attraverso il volto della creatura è stupefacente e inquietante. La scena del risucchio del neonato è di un dolore straziante.

Ultime notizie

Benvenuto sulla Terra: nel trailer della serie esploriamo il nostro pianeta con Will Smith

Benvenuto sulla Terra arriva su Disney+ a dicembre 2021 Benvenuto sulla Terra è la nuova docuserie National Geographic interamente presentata...

Articoli correlati