Nessuno si salva da solo, una soundtrack “nordica” e fragile

Da leggere

Italian Horror Stories: il film corale italiano è su Prime Video

Italian Horror Stories, il film corale supervisionato da Claudio Fragasso, entra a far parte del catalogo di Amazon Prime...

Hawkeye: una clip introduce un nuovo misterioso personaggio

Una clip dedicata al quarto episodio anticipa l'arrivo in Hawkeye di un nuovo misterioso personaggio Un nuovo misterioso personaggio è...

Steven Spielberg è pronto a girare il suo primo western

Il prossimo progetto per cui Steven Spielberg si siederà dietro alla macchina da presa potrebbe essere il primo western...

Block title

Sergio Castellitto vince facile quando per il suo nuovo film sceglie di riadattare un romanzo della moglie Margaret Mazzantini e di affidare la colonna sonora ad Arturo Annecchino. È uscito nelle sale il 5 marzo Nessuno si salva da solo.

Dire che mi sono emozionata è riduttivo perché, sebbene la storia di Delia (Jasmine Trinca) e Gaetano (Riccardo Scamarcio) possa sembrare delle più banali, ha tutto il sapore di una storia d’amore reale: i due si conoscono, fanno sesso, fanno conoscenza dei genitori dell’altro, si sposano, hanno figli, e poi arriva la crisi di coppia, un aborto, un’amante e poi la rottura definitiva. Almeno una di queste esperienze l’abbiamo vissuta tutti ed è per questo che Nessuno si salva da solo è un film pregno di emozione, dolore e gioia allo stesso tempo.

L’emozione maggiore è stata suscitata, oltre dalle perfette inquadrature, da una sublime colonna sonora. Le musiche originali sono a cura di Arturo Annecchino, compositore che ha già lavorato precedentemente con Sergio Castellitto in film quali La bellezza del somaro e Venuto al mondo, per il quale ha ricevuto una nomination ai David di Donatello come miglior canzone.

Nessuno_si_salva_da_solo_soundtrack

Accanto ad Annecchino, ad eseguire la colonna sonora è stata la Simphònia Band. Oltre al compositore al pianoforte, hanno suonato Costanza Cutaia (voce solista e cori), Luca Costantini (batteria), Emanuele Lillo Ranieri (basso elettrico), Lutta Berg (chitarre), Simone Stopponi (chitarre), Luca Annessi (tastiere e synth), Luca Seccafieno (tromba) e Luigi De Filippi (violino e viola).

Quella che sentiamo in Nessuno si salva da solo è una soundtrack che accoglie tante suggestioni sonore, che vanno dalla classica al rhythm and blues, da melodie vagamente francesi fino al post-rock. Ogni brano sembra essere attraversato da una sensibilità acuta, fragile e drammatica. Hanno tutte o quasi un senso di dolcezza ovattata, ma pronta a ed essere interrotta dall’amarezza di voci stridenti o cupe.

Si ha quasi il sentore di essere investiti da melodie nordiche, glaciali, con fraseggi ariosi dai quali si viene piacevolmente investiti. Se uno non conoscesse Annecchino, direbbe che la colonna sonora è stata realizzata dai Sigur Rós. Non a caso, proprio nella tracklist è presente, come brano non originale, Vid Spilum Endalaust della band islandese. Solo un paio di brani, briosi e giocosi (Dis, Try Way), ribaltano quasi il fil rouge della musica.

Connessa al film ha un valore aggiunto ma, anche ascoltandola singolarmente, la colonna sonora di Nessuno si salva da solo è emotivamente profonda, nostalgica e tenera.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Italian Horror Stories: il film corale italiano è su Prime Video

Italian Horror Stories, il film corale supervisionato da Claudio Fragasso, entra a far parte del catalogo di Amazon Prime...

Articoli correlati