I Simpson: donuts, Pork Chop, Apple Pie e le altre ricette da provare

I Simpson sono un'icona televisiva degli ultimi decenni e, a contribuire al loro successo, ci sono anche alcune ricette indimenticabili.

- Ultimo aggiornamento: 9 Dicembre 2018 19:49 - Tempo di lettura: 7 minuti

Correva l’anno 1989 quando la famiglia più scapestrata d’America faceva capolino nel panorama mediatico mondiale, arrivando nel 2018 al suo trentesimo anno di produzione. I Simpson hanno da allora segnato l’immaginario comune in maniera indelebile grazie ai personaggi così realistici pur essendo manichei e macchiettistici, alle sue citazioni iconiche e, perché no, anche grazie alle sue ricette iterate tanto da diventare un patrimonio comune anche se virtuale. Basti pensare alla birra Duff, tanto idolatrata nel cartone da finire con l’essere realmente prodotta in più varianti e in diverse parti del mondo: dal 2008 la birra Duff è commercializzata anche in Italia e viene prodotta, come tutta quella venduta in Europa, dall’azienda Haacht, inizialmente in Belgio e poi in Svizzera.

I Simpson: le migliori ricette presentate in 30 anni di puntate

Nelle diverse puntate de I Simpson i personaggi, e Homer in particolare, si fanno portavoce di una vera e propria ossessione per il cibo in tutte le sue forme. Ci sono però alcune pietanze che mettono a tacere qualunque tipo di obiezione all’abbuffata e che costituiscono il vero punto di debolezza dei personaggi. Inutile girarci intorno, l’esempio più lampante sono i donuts (o dounught che dir si voglia) tanto bramati da Homer e proprio la serie animata ha senza dubbio favorito la proliferazione di punti vendita di queste ciambelle in tutto il mondo, Italia compresa.

7. I Simpson e la ricetta dei donuts: le ciambelle di cui Homer non può fare a meno!

Per riprodurle in casa, però, la ricetta non è particolarmente difficile: basta mescolare 500 gr. di farina (se volete potete metterne metà di grano duro e metà di manitoba) con zucchero (circa 80 gr.), lievito di birra sbriciolato (12gr, circa mezzo panetto), latte (250ml), burro (circa 90gr) e vaniglia per aromatizzare. Lasciate lievitare l’impasto per due ore, al termine delle quali stendere l’impasto e tagliarlo con due coppapasta per modellare le ciambelle. Una volta divise, lasciate lievitare per circa 40 minuti e poi friggere in un pentolino con abbondante olio di semi: lasciate cuocere da entrambi i lati, poi scolate e a questo punto non vi resta che prendere l’ingrediente più importante. Armatevi di fantasia e sbizzarritevi con le decorazioni: glasse, creme, zuccherini…va bene tutto purché faccia venire l’acquolina in bocca a Homer. In fondo, la missione è piuttosto facile!

6. Aperitivo come Moe comanda e Birra Duff: dove comprarla, e quanto costa

Un’altra icona de I Simpson è la taverna di Moe, in cui degustare infiniti boccali di Duff, accompagnati da qualche stuzzichino, a voler essere coraggiosi. Per riproporre un autentico aperitivo in stile Moe’s, basta armarsi di pickles, cetriolini e uova sotto aceto, pronti a stuzzicarvi l’appetito a vostro rischio e pericolo. La ricetta è veloce e indolore: prendete dei cetrioli non troppo grandi, tagliate le estremità e poi rendeteli con le forme che preferite (rondelle, listelli, etc.), sistemateli poi in un barattolo lasciando almeno 4cm dall’orlo superiore e aggiungete gli aromi che preferite (aglio, aneto, pepe in grani e così via). Nel frattempo portate a ebollizione un pizzico di zucchero e uno di sale con 250 ml. di aceto di mele e 250 ml. di acqua: togliete dal fuoco appena inizia a sobbollire e versate nei barattoli. Fate raffreddare e riposare qualche giorno in frigo prima di consumarli. Preparazione simile è quella per le uova sode, che dopo averle cotte potete pelare e utilizzare al posto dei cetriolini. Ad accompagnare queste prelibatezze procuratevi anche qualche birra, rigorosamente Duff: la troverete nel reparto delle birre a basso prezzo (una bottiglia costa intorno ai 3€) e non di altissima qualità, piuttosto acquosa e dal sapore abbastanza anonimo, con un grado alcolico del 5%. In 30 stagioni di I Simpson vengono presentate un’innumerevole quantità di varianti: da quella classica a quella analcolica del periodo proibizionista di Springfield; da quella ai frutti di bosco alla preziosa Henry K. Duff’s Private Reserve; dalla mentolata Duff Blue alla Tartar Control Duff; e non potevano mancare alcune versioni femminili tra cui la Duff Hilary e la Lady Duff. Nella realtà la Duff commercializzata alterna alla classica versione della birra una bevanda energetica chiamata  con un didascalico The Simpsons Duff Beer Energy Drink.

5. La torta di mele di Marge Simpson: la ricetta della Apple Pie originale

Marge però non è da meno, portando in tavola molte leccornie: spezzatini di ogni tipo (e per questi ognuno ha la ricetta della propria famiglia) o i tanto odiati broccoli, persino letali a tratti, e per questi basta pulire i broccoli, tagliarli e farli bollire per un paio di minuti, poi condite con olio e sale e godetevi le facce dei commensali per vedere se riuscite a fare qualche vittima. Nell’immaginario de I Simpson però c’è un’altra donna che ai fornelli ruba la scena a Marge: Mona Simpson. Il ricordo dei suoi piatti infatti seduce Homer in ogni occasione, con i suoi stufati e soprattutto con la sua torta di mele.

Si tratta di una vera e propria apple pie per la quale vi serviranno circa tre tazze di farina, 450 gr. di burro, un pizzico di zucchero, uno di sale e cannella a piacimento. Mescolate tutti gli ingredienti insieme a un cucchiaino di aceto e una tazza di acqua fredda, impastate e dividete la massa in due parti, da lasciar riposare per qualche ora (anche per una notte intera se potete). Stendete poi una parte dell’impasto in uno stampo, prendete una decina di mele della varietà che preferite (il suggerimento è di mescolare più tipologie), tagliatele a fettine e mettetele nello stampo, per poi coprire con l’altra parte di massa stesa avendo cura di accavallare i bordi. Fate qualche incisione sulla superficie per far asciugare il ripieno durante la cottura e spennellate con un uovo (una variante consiste nel tagliare a strisce la copertura in modo da comporre una fitta trama): a questo punto, infornate ad alta temperatura per circa 20 minuti.

4. Le costolette per una Pork Chop Night da paura… ma anche le patate in stile Simpson!

Mona Simpson e il piccolo Homer mentre preparano la torta di mele.

Tra le prelibatezze offerte dalla cucina casalinga di Marge, invece ci sono le costolette di maiale per la celebre “Pork Chop Night” e per ottenerle basterà grigliare le costolette di maiale a fiamma ben viva e sbizzarrirvi con le salse di accompagnamento: salsa BBQ, salsa all’aglio, salsa alle spezie con cumino prezzemolo e paprika. Accanto potete accostare degli spinaci saltati in padella con uno spicchio di aglio e un po’ di peperoncino (occhio ai dosaggi) oppure le famose mashed potatoes, cioè patate sbollentate e poi ripassate in un tegame con un po’ di burro. Per accentuare il gusto della carne potete marinarla, anche sottovuoto, in modo da farle assorbire i sapori delle spezie che più vi piacciono (aglio, rosmarino, pepe, olio, ecc…) prima di cuocerla; un’altra variante è sostituire la carne di maiale con l’agnello, anche se in questo caso la cottura dovrà essere un po’ più delicata.

3. La colazione dei Simpson: come preparare l’american breakfast? Ecco qualche ricetta!

Se volete invece gustarvi un’abbondante colazione in pieno stile Simpson potrete deliziare il palato con uova, bacon e wurstel, tutti rigorosamente passati in padella, magari con un filo di burro (soprattutto per il bacon) in modo da rendere tutto croccante e succulento. Se questa dieta ipercalorica vi piace, potrete continuare con le salsicce avvolte nel bacon. La preparazione è elementare: fate sciogliere il burro in una padella bella calda e fate rosolare le salsicce avvolte da sottili fettine di bacon. L’alta temperatura renderà la superficie croccante mentre il burro lascerà morbido l’interno degli involtini.

Se siete invece amanti dei panini allora potete optare per il Good Morning Burger che combina più o meno gli stessi ingredienti in versione panini: tra le fette di pane mettete abbondante carne macinata e pressata, burro salato, prosciutto cotto, bacon croccante e un uovo fritto. Come spuntino di mezza mattina potete passare dal Luna Park per un po’ di zucchero fritto: si può fare davvero, si fa sciogliere dello zucchero con una piccola quantità d’acqua, da mettere in piccoli contenitori tipo gli stampini per il ghiaccio, e si fa riposare per una notte intera. I cubetti ottenuti li impanerete con uova e farina, intanto fate riscaldare l’olio dove friggere i cubetti per circa un minuto, poi scolate e servite, il vostro colesterolo ne sarà contento!

2. Il panino da 35 calorie di Lisa Simpson

Per rimettersi in forma, invece, sarebbe bene seguire i consigli di Lisa e abbondare con le verdure e i già citati broccoli. Per esempio con il famoso panino da 35 calorie: due gallette di riso farcite con sottiletta e/o cheddar, una foglia di insalata, petto di pollo o tacchino a fette e olive, per cercare di dare un sapore un po’ più gustoso a un panino che, comunque, non convinceva affatto Homer.

Oppure potete seguite l’esempio di Nelson costretto a far saltare in padella una carota (ancora da pelare e con il ciuffo verde in cima) con un filo d’olio: è la famigerata carota in padella di Nelson. Per un pasto completo c’è la possibilità di sfruttare il menù completamente vegetariano della serata delle “Verdure promosse da contorno a piatto principale” che consiste in varie portate: una ciotola di insalata verde mista (lattuga, iceberg, spinacino, valeriana); un vassoio su cui troneggia una melanzana intera circondata da piccoli peperoni anch’essi interi, il tutto rigorosamente crudo; due grosse cappelle di porcino velocemente riscaldate in padella; un piatto caldo composto da broccoli gratinati in una pirofila coperti di besciamella e formaggio a vostra scelta (il classico grana o la più saporita scamorza andranno benissimo, così come stracchino o mozzarella filante).

1. I Cracker Felici di Marge

Per qualcosa di più sfizioso, magari da offrire, potete optare per i Cracker Felici di Marge: basta disporre su un vassoio dei crackers rotondi, su cui disegnare delle facce sorridenti usando crema di formaggio (per la bocca), olive tagliate a rondelle (per gli occhi) e piccoli pezzi di peperoni in salamoia (per il naso). Almeno Meggie sembra gradire!

Il cibo è un tassello fondamentale per la famiglia Simpson e la fantasia vi permetterà di riproporre in tavola le ricette, anche rivedute e corrette secondo i vostri gusti: senza dubbio, sarà molto difficile riuscire a non sedurre Homer qualunque cosa presentiate in tavola. Solamente, cercate di evitare pietanze come il panino ai pastelli grigliati, a base di pastelli a cera e pane da toast, che Ralph costringe suo padre a mangiare!