voto del pubblico 2.0/5
voto finale 2.3/5
Regia
Sceneggiatura
Fotografia
Recitazione
Sonoro
Emozione
vota il film ora!
Home Recensioni Un castello per Natale: recensione della commedia romantica natalizia su Netflix

Un castello per Natale: recensione della commedia romantica natalizia su Netflix

Un Castello per Natale è il nuovo film Netflix che arricchisce il catalogo delle commedie natalizie: una storia d'amore tra favola e realtà che intrattiene con leggerezza, donando al pubblico esattamente quello che si aspetta.

-

Amore e Natale vanno a braccetto da sempre: Netflix lo sa bene e dopo il film romantico natalizio con Vanessa Hudgens due anni fa, Un cavaliere per Natale diretto da Mary Lambert, passa il testimone ad una protagonista decisamente più grande ma non meno sognatrice: una splendida e romantica Brooke Shields è la protagonista di Un castello per Natale, film made in Christmas che non ha grandi pretese se non quelle di intrattenere gli spettatori con un lieto fine, atmosfere e addobbi natalizi luccicanti, scenari da Orgolio e Pregiudizio, amori, amicizie e sogni che inaspettatamente possono realizzarsi solo con il beneficio dello spirito natalizio, soprattutto quando riesce a insinuarsi anche nei grinch di turno.

Un castello per Natale: trama del film Netflix con Brooke Shields

Un castello per Natale

Sophie Brown è la scrittrice di romanzi d’amore più amata negli Stati Uniti: dalla sua penna è nata l’eroina romantica Emma Gale, personaggio che le ha permesso di portare a casa una serie di best seller che per tante donne rappresentano una sacra bibbia sentimentale. Peccato che nella sua ultima fatica abbia deciso di mettere fine alla saga romantica con l’uscita di scena del protagonista maschile, atto che il pubblico non le perdona e di cui Sophie paga le conseguenze, tra le minacce della sua curatrice editoriale e il rancore dei suoi lettori.

Sophie però, la cui vita va molto a braccetto con la sua scrittura, è in una fase delicata della sua vita: reduce da un divorzio stenta a credere al lieto fine, e l’arrivo della vacanze di Natale le sembra l’occasione perfetta per tornare alle sue origini e riscoprire se stessa. Torna così in Scozia e decide di dedicarsi alla scrittura di un nuovo romanzo in un castello un tempo molto caro a suo padre, e che vorrebbe comprare. Ma le sue intenzioni e sogni si scontrano con Myles (Cary Elwes), Duca e attuale proprietario del castello: con lui si accende così un duello d’amore e d’odio, dai risvolti imprevedibili, o quasi.

Un castello per Natale: una commedia romantica pop, per chi è disposto a credere al lieto fine

Se siete di quelli che hanno iniziato ad odiare, crescendo, il lieto fine disneyano perché ci ha fatto crescere con l’illusione che ci fossero grandi amori ad attenderci corredati dal vissero per sempre felici e contenti, allora sappiate che Un castello per Natale, mix perfetto tra La Bella e la Bestia ed Orgoglio e Pregiudizio, ma con personaggi di minore caratura e più ordinari, non è il film di Natale che farà al caso vostro. Vero è però che se a Natale si è tutti più buoni e non siete alla ricerca del film natalizio dalle grandi ambizioni, la commedia romantica con protagonista una Brooke Shields che non ha nulla da invidiare a Carry Brandshaw, potrebbe essere un piacevole intrattenimento per evadere la realtà.

Un castello per Natale

Nella sceneggiatura di Un Castello per Natale ci sono tutti gli ingredienti che hanno firmato il successo delle più amate commedie e serie romantiche. C’è una cinquantenne, scrittrice di successo, pronta a ricominciare dopo una grande delusione amorosa, ma che ha conservato il cuore di un’adolescente con la voglia di sognare il grande amore, e acquistare anche un castello dal valore affettivo e che le sue finanze non ha prezzo, c’è il fascino per una cultura folkloristica da scoprire e vivere – in questo caso quella scozzese -, ci sono degli amici acquisiti sgangherati e simpatici che sanno come curare una delusione sentimentale, e c’è un bello e tenebroso da conquistare. Se ci aggiungiamo il calore, gli addobbi e le atmosfere tipiche delle confezioni dei film di Natale, abbiamo ottenuto il film romantico perfetto, pensato per un pubblico che a Natale vuole regalarsi un’oretta e mezza di sorrisi, luci natalizie, alberi maestosi, feste danzanti e un lieto fine, che se già chiaro sin dall’inizio è pur sempre atteso sin dal primo momento in cui i due protagonisti si ritrovano a pochi centimetri da un bacio. Un castello per Natale è per chi almeno a Natale crede si possa restare un po’ meno con i piedi per terra.

Ultime notizie

James Bond, Skyfall è nato da un bicchiere di troppo: l’assurdo racconto di Daniel Craig

Skyfall, il film più famoso e forse più riuscito della saga di James Bond, è nato da un bicchiere...

Articoli correlati