I Pinguini di Madagascar: recensione

Da leggere

Ancora più bello: recensione del film di Claudio Norza con Ludovica Francesconi

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno da Sul più bello, esce il 16 settembre nelle sale italiane il...

Schumacher: recensione del documentario Netflix sul leggendario pilota di Formula 1

Uno spirito solitario che viene alimentato dai motori che ha sempre inseguito, una personalità contenuta che si esprime attraverso...

Black Widow: Jamie Lee Curtis si schiera dalla parte di Scarlett Johansson

Jamie Lee Curtis ha espresso il suo supporto a Scarlett Johansson rispetto all'azione legale che quest'ultima a intestato a...

Dopo essere fuggiti da uno zoo e aver affrontato varie peripezie insieme ai loro amici, finalmente ritornano sul grande schermo I Pinguini di Madagascar! Il film d’animazione, prodotto dalla DreamWorks, con la regia di Simon J. Smith, uscirà ufficialmente il 27 novembre 2014 e in anteprima il 22 e 23 novembre.

Catapultati da subito nel freddo Antartide, noi spettatori ci troviamo dinnanzi ad una chilometrica fila piumata che, proprio come in un documentario con tanto di giornalisti, cerca di analizzare quello spettacolo della natura che è la marcia dei pinguini. Il leader Skipper, l’intelligente Kowalski e l’armato (di graffetta) Rico si distaccano dal gruppo, spinti dalla voglia di portare in salvo l’uovo dal quale poi sbucherà Soldato: il più tenero e carino membro della squadra!

I pinguini di Madagascar – una nuova incredibile avventura

Da Shangai a Venezia fino a New York, si ritroveranno a mettere a nudo le loro armi con nonchalance per contrastare l’azione malefica del Dottor Octavius Tentacoli: un polpo trasformista infuriato con i pinguini che gli hanno tolto la scena e intenzionato a trasformarli in autentici mostri. Interverrà la squadra speciale Vento del Nord, capitanata da un husky e seguita da un tenero orso polare, una foca e una sensuale civetta. Ma la loro professionalità sarà poca cosa dinanzi alla malvagità di Octavius, che invece sarà sconfitto grazie al più giovane e carino dei pinguini, pronto a mettersi da parte pur di salvare la specie!

Che dire? Un cartone simpatico, di certo non uno dei migliori che abbiamo visto, ma merita una nota per il sentimento d’amicizia che vuole comunicare, poiché ogni cosa può rifarsi al motto tutti per uno e uno per tutti e soprattutto nel coraggio e nell’amore di questi teneri esseri piumati. Nella loro imposizione di non stare in fila insieme a tutti gli altri pinguini emerge altresì un grande insegnamento, valido per grandi e piccini: essere sempre se stessi e saper guardare oltre il proprio mondo, poiché fuori esiste un universo tutto da scoprire!

Ultime notizie

Ancora più bello: recensione del film di Claudio Norza con Ludovica Francesconi

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno da Sul più bello, esce il 16 settembre nelle sale italiane il...

Articoli correlati