Non si ruba a casa dei ladri: recensione del nuovo film dei fratelli Vanzina

Da leggere

Glasshouse: rivelato il trailer del film di fantascienza distopico

La South Africa's Local Motion Pictures ha rivelato il trailer del film di fantascienza distopico Glasshouse che sarà presentato...

Bartkoviak: recensione dell’action polacco Netflix

Le arti marziali miste, note anche come MMA (Mixed Martial Arts),sono uno sport da combattimento che incorpora una miscela...

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Coinvolgente, verace e provvista di giuste alchimie. La nuova commedia dei fratelli Vanzina, Non si ruba a casa dei ladri, sa trascinare il pubblico in un turbine di verità amare, sapientemente smorzate dall’ironia che, in bocca a geni comici del calibro di Vincenzo Salemme, Massimo Ghini, Maurizio Mattioli, si trasforma in un’esperienza godibilissima e introspettiva.

Enrico e Carlo Vanzina mettono in scena una commedia all’italiana puntando pressoché tutto sulle differenze mai assopite di un Paese spappolato al suo interno, in cui nord e sud mantengono fermamente le distanze, in un contrasto di dialetti, usi e costumi capace di donare al film la verve e la forza necessaria a ricordarci chi siamo.

Già, perché se Non si ruba a casa dei ladri ha uno scopo forse è proprio questo: ricordarci chi siamo. Truffatori, sciagurati, disonesti; gente che vive al di sopra delle proprie possibilità; ma anche persone oneste; che amano la propria terra e la difendono, sperando di rimanere legati a un lavoro che oggi c’è e domani, chissà… forse arriverà il politico di turno e li spazzerà via per favorire un amico dell’amico che come sempre non ha i requisiti giusti per vincere la gara d’appalto, ma gli agganci che servono ad andare avanti. E mazzette di qua, favoritismi di là, alla fine chi ci rimette è sempre la brava gente.

Non si ruba a casa dei ladri: la rivincità degli onesti

Non si ruba a casa dei ladri: recensione del nuovo film dei fratelli Vanzina

Questo è ciò che accade ad Antonio Russo (Vincenzo Salemme), proprietario di un’impresa di pulizie che d’un tratto si vede tagliato fuori dall’atavico appalto, costretto a dare alla moglie Daniela (interpretata da un’energica Stefania Rocca) la triste novella: “siamo diventati poveri”. Afflitti dallo sconforto e in cerca di una soluzione, i coniugi Russo alla fine trovano impiego come domestici presso la sontuosa dimora di Simone Santoro e Lori, interpretati da un Massimo Ghini e una Manuela Arcuri al top della loro romanità.

Ma una clamorosa scoperta rovescia la situazione a loro favore: coloro ai quali stanno “lavando le mutande” sono gli stessi che li hanno messi in mutande (per usare le stesse parole di Daniela). Così Antonio e Daniela architettano un piano per incastrare i due truffatori ma denunciarli è cosa da poco; dopotutto cosa farebbe la giustizia a gente come loro?

Il fulcro di Non si ruba a casa dei ladri è una nutrita composizione fatta di travestimenti divertenti (la scena in cui Vincenzo Salemme e Stefania Rocca fingono di essere Simone e Lori richiama alla mente personaggi come Jessica e Ivano del caro Carlo Verdone); monologhi indimenticabili – quali l’elogio alla romanità pronunciato da Mattioli – e paesaggi mozzafiato.

Non Si Ruba A Casa Dei Ladri

Un ritratto allegro e leggiadro dell’italiano medio, umilmente ispirato al capolavoro di Dino Risi, In nome del popolo italiano.

La commedia dei Vanzina ci concede una sana risata sui vizi del nostro popolo e lo fa con sarcasmo e un pizzico di malinconia; lo fa mettendosi dalla parte di chi ha perso tutto e non sa da dove ricominciare, ma anche dalla parte di chi ha tutto e non vuole perderlo.
Nel grande calderone ci sono imprenditori come Antonio Russo e Giorgio Bonetti (Maurizio Mattioli), belle ragazze come Demetra (Ria Antoniou) disposte quasi a tutto per diventare ricche, politici corrotti come l’onorevole Maronaro (Fabrizio Buonpastore) e vecchiette intraprendenti e inaspettatamente furbe come Zia Titina (Liliana Vitale).

Insomma, in Non si ruba a casa dei ladri c’è un assaggio consistente dell’Italia dei furbi e dei vendicatori e allo stesso tempo viene dipinta l’Italia di chi è disposto a dimenticare le malefatte e a porgere una mano anche a chi gli ha negato la propria.

Il film è al cinema dal 3 novembre, distribuito da Medusa Film che si è occupata della produzione insieme a International Video 80 e in collaborazione con Sky Cinema.

Ultime notizie

Glasshouse: rivelato il trailer del film di fantascienza distopico

La South Africa's Local Motion Pictures ha rivelato il trailer del film di fantascienza distopico Glasshouse che sarà presentato...

Articoli correlati