Ci sono voluti ben diciassette anni e tanti film per dare a Wolverine – personaggio creato da  Len Wein e Herb Trimpe – una giusta caratterizzazione cinematografica. Logan – The Wolverine è la decostruzione di un eroe, un epilogo nudo e crudo che racconta il mutante e per 135 minuti mette da parte costumi attillati e prodezze da eroe.

Logan – The Wolverine: l’ultimo viaggio del mutante artigliato

2029, James Howlett alias Logan un tempo conosciuto come Wolverine è ormai invecchiato, è l’ombra dell’eroe che era un tempo, vive facendo l’autista di limousine cercando di sopravvivere ad un futuro che non può più essere salvato. I mutanti sono scomparsi, la Xavier School è andata in rovina come lo stesso Professor X, ridotto a essere chiuso in una cisterna e a ingurgitare pillole che mantengono sotto controllo il suo potere mentale ormai allo sbando.

Logan - The Wolverine

Una realtà triste finché sulla sua strada non appara Laura, ragazzina cresciuta in un finto ospedale pediatrico che in realtà nasconde un laboratorio in cui i mutanti vengono “allevati” a essere soldati. Laura è scappata e cerca i suoi amici, ma quello che la rende speciale è condividere con Logan il dna, i poteri e la ferocia.

Inizia così l’ultima avventura del mutante artigliato, in un mondo in cui gli X-Men hanno palesemente fallito riuscirà Wolverine a salvare Laura e forse a dare una speranza a una nuova generazione di mutanti?

James Mangold ci porta in un mondo cupo, simbolo del fallimento degli X-Men

Con Logan – The Wolverine, James Mangold ci porta in un mondo cupo, che ricorda da vicino il west e dove gli eroi sono solo un ricordo del passato, un fumetto sbiadito in cui ripercorrere gesta e personaggi che non ci sono più. In questo mondo si muove Logan o James ma sicuramente non più Wolverine, il tempo degli eroi è finito e ora rimane solo la polvere di un mondo in rovina.

È da qui che parte la decostruzione del personaggio, spogliato, nudo e terribilmente umano. Era quello forse che tutti aspettavamo un film mascherato da cinecomic, ma che distrugge tutti i dettami fino ad ora visti sul grande schermo. Ed eccoli i mutanti, non gli eroi ma i veri mutanti, sofferenti, disillusi e in costante lotta per la sopravvivenza.

Maledetti dal “dono” sia socialmente che fisicamente: Logan avvelenato dall’adamantio, Xavier incapace di controllare i suoi enormi poteri mentali e lo stesso Calibano (che in X-Men: Apocalisse tracciava mutanti per denaro) è distrutto dalla sua mutazione. Mangold si muove in punta di piedi tralasciando gli “spettacolari effetti visivi” a favore di uno studio interiore, porta a livelli estremi i combattimenti psicologici di personaggi che hanno più da dire con i rapporti fra di loro che con gli artigli.

Ed è qui che esce tutta la bravura di Hugh Jackman, che realizza forse l’interpretazione migliore in diciassette anni portando sul grande schermo un Wolverine distrutto e annientato, ma che non manca di tirare fuori la sua ferocia nelle poche ma mirate scene di lotta, mai così crude ed efferate. Ottima prova anche per Dafne Keen che ha il compito di dare volto e corpo alla giovanissima Laura/X 23, piccola ma estremamente feroce, la Keen riesce attraverso una mimica e suoni animaleschi ad essere davvero una grande sorpresa.

La danza perfetta di Patrick Stewart tra dramma e ironia

Ma vero mattatore della pellicola è Patrick Stewart che grazie alla strada intrapresa dal regista riesce a dare un’interpretazione a dir poco fenomenale. L’apporto psicologico del Professor Xavier è essenziale, si tratta si di un personaggio secondario ma che riesce ad emergere proprio per la caratterizzazione che Stewart porta sullo schermo. Una danza perfetta tra dramma e ironia di un uomo una volta “il mutante più potente del mondo” ridotto ad un involucro scarno in balia della propria mente.

Logan – The Wolverine riesce nell’intento di portare ad un altro livello il personaggio interpretato da Hugh Jackman creando un dramma, più che un cinecomic, profondo ed amaro che poche volte abbiamo visto applicato ad un eroe.

PANORAMICA RECENSIONE
Regia
Sceneggiatura
Fotografia
Recitazione
Sonoro
Emozione
CONDIVIDI