GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE

VOTA IL FILM ORA!

Conosciuto in piattaforma per i precedenti Daniel Sosa: Maleducado, stand-up comedy da lui diretta nel 2018, e la serie Club de Cuerovos, scritta invece tra il 2017 e il 2019, il regista e sceneggiatore messicano Marcos Bucay torna su Netflix a partire dal 23 luglio 2021 con Finanziati per caso, commedia demenziale e grottesca sulla deriva generazionale dell’assuefazione da app e del mondo nerd delle startup.

Finanziati per caso: due millennial disoccupati guardano al successo degli altri

finanziati per caso cinematographe.it

Al centro della commedia due fannulloni trentenni e impantanati tra il precariato e la disoccupazione, preparati al mattino di tutto punto come se dovessero andare in ufficio, per poi ritrovarsi entrambi a casa – giusto il tempo di attraversare la strada – nella sorpresa uguale e reciproca del non avere alcun cartellino da timbrare. Polo (Aldo Escalante) e Blas (Ricardo Polanco) sono i looser contemporanei del “non saper cosa voler fare da grandi”, indecisi certo sul futuro quanto nel presente, in dubbio perpetuo e ciclico su come e dove passare le ventiquattrore se non sul divano. Il primo, dimagrito 90 chili ed ex-obeso, è costretto dalla fidanzata sport addicted di sudare tutte sante le mattine sulla bici da spinning; l’altro, artista del cappuccino e politicamente incline a sottolineare le conseguenze dello sfruttamento capitalista, guarda ai successi degli altri per sottolineare i propri fallimenti, in un mondo di creatori tecnologi e predicatori del self made man che viviseziona i millennial tra account Instagram verificati e idee su nuove, rivoluzionarie applicazioni.

Ai due però non basta il cosiddetto ‘ping pong’ per dar forma a quell’unica idea possibile per cambiare il proprio destino, e una notte, complice come spesso accade un bombardante mix di alcool e psicostimolanti à la Limitless, Polo e Blas registrano, incoscienti (o quasi), la presentazione video di un app da loro concepita con lo scopo di firmare petizioni online ma con annessi like da social network e caramelle bonus simil Candy Crash. Come accade in questi casi, la fortuna è dalla loro e il progetto riesce a ricevere i finanziamenti necessari al suo sviluppo, finché ovviamente uno dei due non ne metterà in discussione la paternità.

The Social Network per looser, millennial e mediocri

finanziati per caso cinematographe.it

Finanziati per caso appare dunque come un The Social Network rivisto e rivisitato dagli sconfitti del nuovo millennio, prendendo dal film di David Fincher la carcassa narrativa della lunga progettualità a due che creerà l’attrito finale, ma certamente senza essere il suo intento originario. Bucay infatti, mediante iperbole, grottesco e sfrenatezza caricaturale, cerca piuttosto di sgonfiare l’enorme aura d’intoccabilità dell’universo delle start-up e dei social, ridimensionando, dissacrandola, la pretesa ridicola di cambiare il mondo con un click, di aderire a scorciatoie superficiali e fittizie tra hashtag e storie di 24ore per colmare l’enorme vuoto che ognuno si porta con sé; per mascherare la realtà scontrata perennemente con l’ideale insomma.

Tra eccessività e iperbole comica il film di Marcos Bucay si perde nelle sue stesse, demenziali, modalità

finanziati per caso cinematographe.it

Peccato tuttavia che nonostante un incipit promettente perché dai toni irriverenti, personaggi borderline e dissacrazione, il film non riesce a mettere a fuoco le idee che ha e già prima di metà racconto perde le coordinate, sconfinando nell’inconsistenza e nel tentativo di risata fine a sé stessa stancante quanto pigra. Da Finanziati per caso c’è da aspettarsi certamente linguaggi e traiettorie paradossali e trascinate all’estremo per scovarne, appunto, l’invisibile assurdità; scompostezza grammaticale del materiale che cerca di manipolare; nonsenso comico e ambiguo per scoperchiare le derive chic e l’obbligatorietà da successo imposto dal progresso tecnologico. Non riuscendo a controllare la furia dell’eccedenza come prerogativa, l’operazione risulta vanificata dai suoi stessi modi di agire, e Finanziati per caso, oltre a sparuti quadri scherzosi, non risolve e non si risolve, tornando al punto di partenza di un film forse mai davvero cominciato.