Dylan Dog – il fan movie: recensione

Da leggere

Il ballo delle pazze: recensione del film di Mélanie Laurent

Mélanie Laurent torna alla regia con Il ballo delle pazze, un film tratto dal romanzo omonimo di Victoria Mas,...

La Casa di Carta 5 come finirà? Gli 8 finali possibili della serie Netflix

Non è passato molto tempo dall'uscita della prima parte della quinta e ultima stagione di La casa di carta...

Tiger King 2 è realtà! Ad annunciarlo ufficialmente è Netflix

Tiger King 2 è di nuovo diretto da Eric Goode e Rebecca Chaiklin Tiger King, nota docuserie Netflix conosciuta anche...

Online dal 2 Novembre su Youtube un fan movie tutto italiano. Il suo titolo è Dylan Dog – Vittima degli eventi. Protagonista è lo stesso Dylan Dog, l’indagatore dell’incubo. Questo giovane progetto dimostra come, se c’è del talento, con pochi soldi si posso fare gran belle cose. Perché si, questo è un gran bel mediometraggio. Ottima, in particolar modo, la fotografia e le ambientazioni, che richiamato i toni e i colori del fumetto.

Iniziamo dal principio. Dylan Dog – Vittima degli eventi è stato finanziato da tantissimi fan e prodotto da The Jackal. Al suo interno ha un cast abbastanza fresco, ma già conosciuto. Il film è stato diretto, infatti, da Claudio Di Biagio, creatore della web serie Freaks!, e scritto da Luca Vecchi, videomaker dei The Pills. A prestare il suo volto a Dylan Dog, invece, è stato Valerio Di Benedetto, già popolare per Spaghetty Story, e al suo fianco, tra gli altri, anche due nomi del panorama cinematografico importante italiano come Milena Vukotic e Alessandro Haber.

“Ribellarsi al proprio destino è un’illusione, appannaggio dei tempi moderni”.

Dylan Dog vive a Roma, è un giovane bello e tenebroso, va all’università e frequenta la Luiss. (Paradossale, viste le origini del fan movie). E’ ansioso, scettico, ha paura ed è sempre accompagnato dal fidato assistente Groucho. Dopo sette mesi di inattività torna a lavorare perché “vittima della propria maledizione: la passione”. Non è, però, un investigatore curioso,  anzi, è perso e smarrito.

La sinossi.
Adele e suo fratello passeggiano per Roma di notte. Davanti a Castel Sant’Angelo i due incontrano una donna sfigurata e con indosso vestiti d’epoca. Alla sua visione il ragazzo cade a terra in preda a convulsioni e muore. La donna si avvicina ad Adele e si strappa la testa dal corpo. Dopo qualche giorno la ragazza, per fare luce su quanto avvenuto, decide di contattare un investigatore privato. Da una ricerca su internet spunta il nome di Dylan Dog e del suo assistente Groucho. L’indagatore dell’incubo si appassiona subito al caso e, con l’aiuto di una medium e del vecchio ispettore Bloch, giunge alla conclusione.
La vicenda è legata ad una leggenda, quella che ha per protagonista Beatrice Cenci, le violenze da lei subite da parte del padre e l’uccisione di questi. Drammatico evento al quale è seguita la decapitazione della giovane avvenuta l’11 Settembre 1599. Ma cosa centra questa storia con Adele?

“Porto fuori i miei clienti e mi innamoro di ognuno di loro”.

Non è necessario essere fan di Dylan Dog per comprendere o vedere il film, in quanto è abbastanza godibile, leggero e ha in se un po’ di suspense. Vittima degli eventi potrebbe essere la prima puntata di una longeva serie web. Di sicuro il protagonista della storia non passa inosservato e attirerà un bel numero di utenti-spettatori!

Articolo precedenteSils Maria: recensione
Articolo successivoPremio BAFTA per Terry Rawlings

Ultime notizie

Il ballo delle pazze: recensione del film di Mélanie Laurent

Mélanie Laurent torna alla regia con Il ballo delle pazze, un film tratto dal romanzo omonimo di Victoria Mas,...

Articoli correlati