Clockwork Tales: Of Glass and Ink – recensione

Da leggere

Riconoscete questa ragazza? Qui era radiosa col primo vero amore della sua vita ma il destino aveva in serbo un tragico piano

Qui la vediamo radiosa insieme al suo primo vero amore. Ma, quando vuole, la vita sa essere davvero crudele....

Drew Barrymore: “credo che mia madre abbia creato un mostro”. Ecco le rivelazioni shock dell’attrice

Quando nasci in una famiglia che da ben tre generazioni ha la passione per la recitazione non puoi che...

Zack Snyder’s Justice League: un inedito Lanterna Verde è stato scartato dal film

Zack Snyder's Justice League: il personaggio mancante Zack Snyder's Justice League continua a regalare sorprese, a giorni dal suo rilascio,...

Tornano su console i ragazzi di Artifex Mundi, e lo fanno con un titolo che farà la gioia di tutti gli amanti dello steampunkClockwork Tales: Of Glass and Ink è infatti l’ultimo degli oltre venti titoli prodotti da questa software house, specializzata in giochi per mobile, ma che non disdegna sperimentare i propri prodotti su console.

Abbiamo già avuto modo di parlare di Nightmare from the Deep, e qui le dinamiche vengono riproposte in toto ma con una storia e una veste del tutto nuova.
Per chi non conoscesse il lavoro di Artifex Mundi, stiamo parlando di avventure puzzle game di tipo esplorativo, dove ad una storia complessa e ben articolata vengono affiancati enigmi ambientali, mini-giochi e rompicapo degni di questo nome.
Nulla di impossibile, ma procedendo con il gioco, le sfide si fanno via via più ostiche e, soprattutto a difficoltà avanzata, l’assenza di suggerimenti può causare ben più di un mal di testa nel giocatore.

Clockwork Tales: Of Glass and Ink – un inno allo steampunk

Rispetto a Nightmare from the Deep, però, scompare il minigioco del mahjong che, oggettivamente, poco aveva a che fare con un’ambientazione piratesco caraibica, a favore di enigmi molto meglio calati nella realtà dipinta da Clockwork Tales. Il gioco ci mette nei panni dell’agente Evangeline Glass che, ricevuta una lettera allarmata dal vecchio mentore e padre in pectore, il dottor Ambrose Ink, raggiunge il villaggio di Gottland per scoprire quali terribili segreti si muovano nell’ombra.

Clockwork Tales

Come detto l’ambientazione è un inno allo steampunk, con una grafica semplicemente superba per cura di dettagli. Animali meccanici, abiti vittoriani, zeppelin, robot e macchine infernali: c’è tutto quello che ci si aspetta da un’avventura di questo genere, un vero dipinto per gli amanti del genere. Il gameplay, inoltre, consente di fermarsi a gustarsi i dettagli, per godere appieno dello splendido lavoro fatto dai graphic designer: ammirare i paesaggi e gli ambienti, dopotutto, fa parte dell’esperienza di gioco.

Il gioco si completa in circa tre ore, usando i suggerimenti, ma il consiglio è di affrontarlo alla difficoltà massima, in modo da dilatare l’esperienza di gioco di un altro paio d’ore, oltre a regalarsi incredibili soddisfazioni nel riuscire a districare alcuni enigmi con la sola forza della logica.
Particolarmente ispirati, poi, i minigiochi che, come detto, si incastrano bene nell’economia complessiva di storia e grafica: al di là dei soliti “trovare un elenco di oggetti nel mucchio”, ci sono puzzle fisici, pittorici e logici. Davvero tutto quel che si può chiedere ad un titolo del genere.

Ultime notizie

Riconoscete questa ragazza? Qui era radiosa col primo vero amore della sua vita ma il destino aveva in serbo un tragico piano

Qui la vediamo radiosa insieme al suo primo vero amore. Ma, quando vuole, la vita sa essere davvero crudele....

Articoli correlati