Blue Valentine: recensione

Blue Valentine è la storia di un epilogo.  Ciò è chiaro fin dai primi fotogrammi  in cui, attraverso le semplici azioni che accompagnano la quotidianità di una colazione in famiglia,  intravediamo quell’insofferenza e rassegnazione che sono la tipica anticamera della fine di un amore, consumato dagli anni o forse dalla mancanza di quella scintilla che fin dall’inizio avrebbe dovuto accenderlo.

Dean –Ryan Gosling–  e Cindy- Michelle Williams– sono una coppia sulla trentina e hanno una bambina; lei  infermiera e lui operaio, si conoscono poco prima di affrontare insieme un momento di grande difficoltà in cui Cindy trova nel suo compagno il sostegno di un amore puro e incondizionato.

Blue valentine recensione wedding

Blue Valentine ci mostra l’ultimo disperato tentativo di Dean di tenere in piedi questo amore, attraverso il potere evocativo dei ricordi e di una notte passata insieme in un Motel,  un territorio neutro, lontano dallo spazio-tempo quotidiano, dove la coppia preferisce (profeticamente) la “stanza del futuro” alla “stanza di Cupido”.

Il tema, potenzialmente molto disturbante, non è certo ciò che rende quest’opera memorabile. La sua grandezza sta piuttosto nella completa onestà dei protagonisti, che ci mostrano le emozioni –  a volte anche feroci – che il fallimento può suscitare, con sapiente abbandono e senza mai risultare eccessivi.

A pelle sembra più facile simpatizzare per Dean: è lui il più semplice, il meno rassegnato, forse il meno maturo ma sicuramente quello che fra i due ha ancora forza e voglia di lottare. Cindy ha un passato pesante, forse per lei è più difficile riuscire ad essere felice ma la sensazione è che ciò che il regista vuole mostrarci  è semplicemente la differenza che spesso si osserva  fra uomini e donne nell’approccio all’amore.

 Dean dice:

Non so, penso che gli uomini siano più romantici rispetto alle donne: quando ci sposiamo, lo facciamo con quella giusta; resistiamo per tutto il cammino, perché, quando conosciamo quella giusta, pensiamo che saremmo degli idioti, se non la sposassimo, è così meravigliosa!”

Mentre Cindy pensa:

“Come puoi fidarti dei sentimenti quando possono scomparire così in fretta?”

Blue Valentine recensione - stanza del futuro

Blue Valentine: la fine di un amore raccontata attraverso l’incanto e la reticenza suscitate dalla verità

La regia magistrale di Derek Cianfrance completa questo intimo e profondo viaggio nella psiche umana: la cura maniacale ma mai intrusiva per i dettagli permette allo spettatore di comprendere rapidamente i passaggi dal presente al flash-back senza allentare il coinvolgimento emotivo,  dando la sensazione di essere completamente dentro al cuore e alle emozioni, a volte confuse e contraddittorie, dei personaggi.

La scelta di trasfigurare leggermente il corpo dei protagonisti  arricchendo col potere delle immagini il contrasto fra il passato –  in cui entrambi appaiono giovani e radiosi – e il presente –  che li vede invecchiati e spenti – si rivela essere la chiave per leggere il film nella maniera corretta: non una storia d’amore ma una storia sulle conseguenze dell’amore, in cui il peso delle aspettative tradite grava sui volti e sui corpi stanchi e segnati dei due, seppur ancora giovani,  protagonisti.

blue valentine

Il finale ci ricorda ancora una volta che stiamo assistendo ad una storia sfacciatamente realistica, in cui il lieto fine non è sempre possibile ed in cui la soluzione scelta non è necessariamente la migliore ma, semplicemente, l’unica possibile.

Il risultato è un difficile (quasi impossibile non immedesimarsi almeno nella paura che ciò che vediamo possa succedere a noi) ma completamente appagante sguardo su uno scorcio di vita reale, profondamente apprezzabile da chi crede che la magia dell’amore non stia necessariamente solo nella sua realizzazione ma, anche e soprattutto,  nel potere di segnare comunque indelebilmente le esistenze umane. Toccante.

Ultime notizie

Moon Knight: il trailer della serie Marvel rivela le origini del supereroe di Oscar Isaac

Il trailer di Moon Knight introduce Oscar Isaac nel MCU nei panni di Marc Spector, un supereroe con un...

Articoli correlati