The Dropout: recensione della serie TV disponibile su Disney+

Amanda Seyfried e Naveen Andrews sono i protagonisti di The Dropout, la serie composta da otto episodi, in onda su Disney+ dal 20 aprile 2022.

Ispirato a un podcast true crime firmato dalla giornalista investigativa Rebecca Jarvis, The Dropout ricostruisce la storia vera di Elizabeth Holmes, un’outsider che voleva diventare Steve Jobs e, per farlo, ha preso la scorciatoia.

Il fratellino dagli spalti rivolge un commento alla mamma: “Perché corre in modo così strano?“. La domanda riguarda Elizabeth, sua sorella maggiore. Tutti, tra sbuffi di noia e incoraggiamenti di facciata, la stanno aspettando: non solo lui, ma anche i genitori, l’allenatore, le compagne. Ma Elizabeth arranca, non riesce ad accelerare il passo, conclude il giro di pista con grande ritardo rispetto alle sue pari.
Quel ritardo, accumulato nello scherno silente degli astanti, diviene il pungolo che sconfina in ossessione quando, adulta, accelerare verso l’obiettivo finisce per coincidere con la condanna a un precipizio, una caduta fragorosa di quella sua vanagloria che si è formata come crosta sulla lontana ferita narcisistica.

Amanda Seyfried è Elizabeth Holmes in The Dropout, la truffatrice che voleva diventare Steve Jobs

The Dropout cinemtaographe.it

Elizabeth Holmes (Amanda Seyfried) e il compagno e socio Ramesh Sunny Balwani (Naveen Andrews), poi accusato dalla difesa della donna di abusi emotivi e sessuali.

Amanda Seyfried assume nel suo volto spigoloso e ‘naturalmente’ antipatico la sfida di incarnare un personaggio calcato sulla persona reale di Elizabeth Holmes, le cui tendenze sociopatiche si rivelano in un’assenza di empatia molto ben restituita dall’interprete.

Prima allieva del corso di ingegneria chimica a Stanford che studia anche il mandarino, pianifica la sua prima volta, vuole bruciare i tempi della sua educazione e abbandona repentinamente l’università – da qui viene “dropout” scelto come titolo: in inglese significa sia chi si esclude dalla vita sociale sia chi lascia un percorso di studi prima di averlo completato –, poi fondatrice ed amministratrice, insieme al partner Ramesh Sunny Balwani, della Theranos, una società dedicata a sviluppare un sistema diagnostico basato sul prelievo di poche gocce di sangue per rilevare la presenza di centinaia di patologie, infine imputata in un processo il cui capo d’accusa principale è l’azione fraudolenta ai danni di investitori e clienti: in ogni momento del suo romanzo di formazione al contrario – ed è al contrario non perché nel finale c’è la caduta, ma perché nessuna evoluzione in lei si compie se non nel campo della pura virtualità, della pura mascherata –, Elizabeth Holmes sconta la vera dannazione di Narciso, quella di non (ri)conoscersi.

The Dropout: una critica al culto americano dei giovani perdenti che si riscattano velocemente senza bisogno di studiare

The Dropout cinemtaographe.it

The Dropout è una Serie TV di genere miniserie tv del 2022, ideata da Elizabeth Meriwether, con Amanda Seyfried e Naveen Andrews, disponibile su Disney + dal 20 aprile 2022.

Osannata nel 2015 da Forbes come più giovane e ricca self-made woman d’America, nel 2018 è già considerata dai media – che nei suoi confronti hanno agito quali mastini addomesticati – un vero e proprio bluff: la bolla che aveva creato, complice una paranoica segretezza, attorno alla sua azienda scoppia improvvisamente a seguito del suicidio di un dipendente. Elizabeth non è allora più la bionda e delicata imprenditrice biomedica che aveva brevettato un metodo diagnostico rivoluzionario perché poco invasivo, indossava maglioncini neri a collo alto sotto giacche severe e parlava in pubblico con un tono di voce baritonale – quanto artefatto? – ma si rivela sadica capitana d’industria avvezza a mentire ed angariare i sottoposti, votata a costruire una reputazione invincibile senza alcuno scrupolo di verificare la qualità e l’adeguatezza non solo del prodotto in vendita, ma anche della sua condotta manageriale.

Grazie a una notevole sapienza drammaturgica ed esecutiva, nonché alla già citata maestria attoriale di Seyfried, la serie Disney The Dropout sovrappone la fiction all’inchiesta senza scontornare: nulla, della vicenda criminale di Elizabeth Holmes, viene occultato, ma neppure giudicato. Eppure un messaggio trapela come sovrappiù: la cultura americana che spesso si lascia sedurre dalle mitologie del genio incompreso e precoce, rigettato ingiustamente dalla scuola, s’ostina a sbagliare nel concedere all’abbaglio continue rifrazioni. Qui non c’è alcun riscatto possibile dall’emarginazione patita nell’adolescenza da Elizabeth, ma solo la dimostrazione che coloro che ce la fa bruciando le tappe – spesso ventenni che si catapultano a capo di imprese miliardarie – quasi sempre riescono perché infrangono le leggi (anche solo quelle di natura, che non consentono di aggirare l’impegno) e compensano con l’affabulazione e il carisma mediatico non tanto un vuoto ideativo quanto l’indisponibilità a studiare e a lavorare duramente.

The Dropout, la serie targata Hulu e in onda in Italia su Dinsey+ a partire dal 20 aprile 2022, è composta da un totale di otto episodi.

Regia - 4
Sceneggiatura - 3.5
Fotografia - 4
Recitazione - 5
Sonoro - 3
Emozione - 3

3.8

Articoli correlati