GIUDIZIO CINEMATOGRAPHE - FILMISNOW

VOTA IL FILM ORA!

3.8

MEDIA VOTI PUBBLICO

La tregua (La trêve) è una serie tv belga diretta da Matthieu Donck, interpretata da Yoann Blanc, Guillaume Kerbush e Anne Coesens, disponibile su Netflix dal 20 luglio 2018. 

Protagonista della serie è l’investigatore Yoann Peeters (Yoann Blanc), un detective in lutto che torna a vivere nella sua città d’origine, Heiderfeld. Non appena prende servizio, la tranquillità della sua cittadina natale viene sconvolta dal ritrovamento di un cadavere di un ragazzo nelle acque del fiume Semois. Il misterioso delitto viene affidato alle intuizioni e al talento investigativo di Peeters che, con l’aiuto del maldestro agente di polizia Sebastian Drummer (Guillaume Kerbush), cercherà di scoprire chi si cela dietro quel delitto efferato, svelando oscuri segreti che circondano Heiderfeld e inabissandosi in un privato occultato e controverso. 

La Tregua

La tregua: la serie tv disponibile su Netflix dal 20 luglio

La tregua è una serie crime suddivisa in 10 episodi, che ci traghetta nelle torride atmosfere di una cittadina di provincia, boschiva e plumbea, un’immersione in un remoto villaggio del Belgio. La storia orbita attorno alla figura di Yoann Peeters, un ottimo investigatore che è allo stesso tempo istintivo, impulsivo e mai diplomatico, soprattutto con i suoi colleghi, un personaggio centrale febbrile che si saprà incuneare in una realtà apparentemente placida.
La tregua è una serie indiscutibilmente ben girata e ben scritta, che trasporta abilmente lo spettatore in una investigazione e nelle sue atmosfere impenetrabili. Le puntate conducono nelle pieghe di una indagine che funge da iceberg, la cui punta è simboleggiata dallo sfortunato calciatore trovato esanime Driss Assani, che Yoann Peeters e il suo compagno di squadra riusciranno, con sacrificio e intuito, a scoprirne la parte sommersa.
La Tregua

La tregua: un’immersione in un remoto e torrido villaggio del Belgio

La serie Netflix segue i topoi del noir nordico, con realismo, suggestioni precise e una dialettica asciutta, i cui personaggi centrali sono anti eroi lacerati da eventi traumatici, un lento ma denso cliffhanger che oscilla tra il crime poliziesco e il thriller psicologico.
Ciò che determina La tregua è una sorta di gioco della temporalità tra due timeline che si intersecano e comunicano costantemente, un modo che ha la narrazione di intervenire su spazio e tempo attraverso flashback sull’indagine e flashforward sugli interrogatori condotti da una psichiatra.
Tutto questo processo descrittivo particolarmente fluttuante e mutevole riesce a rendere la serie molto più concitata e sorprendente, mettendo il protagonista sotto una lente di ingrandimento e allo stesso tempo cambiando continuamente prospettiva e punto di vista.

Yoann Peeters si dovrà destreggiare tra le vicende di un apparente caso di suicidio: tutti sono convinti della autenticità del siffatto verdetto, tutti tranne lui. Ed è per questo che il protagonista si spingerà al di là di ogni morale, di ogni logica investigativa, compromettendo anche la sua salute e la sua stabilità mentale, guidando se stesso e lo spettatore in uno scenario drammatico e spiazzante che, con dedizione e impassibilità, riuscirà a portare alla luce.

La Tregua

La tregua segue i topoi del noir nordico: realismo, suggestioni e una dialettica asciutta

La serie è ovviamente carica e popolata di colpi di scena; sa come mostrare, con grande lucidità e intelligenza, quanto nessuno sia chi dice di essere realmente e come il male a volte si nasconda e alberghi in ognuno di noi. La tregua inoltre è abile nel muoversi tra diverse tematiche a partire dal sadomasochismo, l’aborto, la corruzione nel calcio, il neonazismo, il traffico di droga, le scommesse illegali, la mafia e la simbologia mistica.

Ciò che emerge è un mondo marcio e brutale reso coerente e attraente grazie ad una scrittura acuta supportata da una splendida fotografia. I creatori Matthieu Donck, Benjamin d’Aoust e Stéphane Bergmans sono riusciti a realizzare una storia sorprendente che ha avuto la grande capacità di svettare grazie al suo ritmo concitato, ad un’ottima estetica naturale e per un’eccellente struttura narrativa.