Will Smith ha spiegato come mai ha sempre evitato film sulla schiavitù e perché ha cambiato idea

Il noto attore, che ha debuttato sul grande schermo nel 1992, ha una carriera degna di nota.

Da leggere

Cowboy Bebop: Netflix annuncia l’evento live-stream per il primo trailer

Il primo trailer di Cowboy Bebop verrà mostrato durante un evento online! Netflix vuole fare le cose in grande per...

The Last Manhunt: le prime immagini del film western con Jason Momoa

Jason Momoa è uno dei protagonisti del film western The Last Manhunt, diretto da Christian Camargo Le prime immagini di...

Percy Jackson: annunciato il regista del pilot della serie Disney+

Il regista del primo episodio di Percy Jackson è lo stesso del film Dora e la città perduta James Bobin,...

Block title

Will Smith è il protagonista del nuovo film di Antoine Fuqua, Emancipation

Will Smith, attore, rapper e produttore cinematografico americano, è sempre stato un’icona leggendaria del cinema d’azione, con un spruzzata di comicità si intende. L’artista, che ha debuttato nel mondo della recitazione nel 1992 con il film I dannati di Hollywood, ha partecipato principalmente a lungometraggi mainstream capaci di trascinare un gran numero di spettatori in sala. Ad ogni modo, l’artista in questione si è sempre saputo reinventare sul grande schermo, ricoprendo i ruoli più disparati, da quelli più drammatici a quelli, invece, più spiccatamente demenziali ed ha sempre dato il massimo in ognuno.

In realtà, però, a Will Smith non sono mai andati troppo a genio i film sulla schiavitù che, per tutta la sua vita artistica, ha evitato. Ciononostante, per la prima volta nella sua carriera, in Emancipation di Antoine Fuqua, Smith interpreta eccezionalmente uno schiavo, Peter, che riesce a fuggire, perseguendo la libertà. Il divo ha spiegato, in un’intervista per GQ, che non ha mai voluto incarnare su schermo uno stereotipo, quindi ha sempre preferito ruoli che andassero ai “bianchi”, così da dimostrare di essere alla loro altezza.

Ho sempre evitato di fare film sulla schiavitù. Nella prima parte della mia carriera… non volevo mostrare i neri in quella luce. Volevo essere un supereroe. Quindi volevo rappresentare l’eccellenza nera accanto alle mie controparti bianche. Volevo interpretare ruoli che avresti dato a Tom Cruise. Mi hanno proposto per entrare nel cast di Django Unchained. Ma non volevo fare un film sulla schiavitù incentrato sulla vendetta.

La vera domanda però potrebbe essere: cosa differenzia effettivamente Django Unchained da un film come Emancipation, che sono peraltro ambientati nello stesso periodo e ovviamente con le stesse tematiche?

Emancipation riguarda l’amore e il potere dell’amore nero. Ed è qualcosa sulla quale potevo lavorare sodo. Stavamo per fare una storia su come l’amore nero ci rende invincibili.

Onestamente non vediamo l’ora di scoprire nuove informazioni riguardo la realizzazione sopracitata, attualmente in produzione, con la presenza nel cast anche di Mustafa Shakir nella parte di Cailloux, Ben Foster che incarna Fassel, Charmaine Bingwa nel ruolo di Dodienne e molti altri ancora.

Leggi anche Emancipation: Will Smith protagonista del nuovo film di Antoine Fuqua

SourceGQ

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Cowboy Bebop: Netflix annuncia l’evento live-stream per il primo trailer

Il primo trailer di Cowboy Bebop verrà mostrato durante un evento online! Netflix vuole fare le cose in grande per...

Articoli correlati