Anche WarnerMedia pensa di boicottare la Georgia dopo legge anti-aborto

Anche la WarnerMedia starebbe valutando seriamente l'ipotesi di lasciare la Georgia come sede di produzione.

Da leggere

Sharon Stone tuona contro Meryl Streep: “È sopravvalutata. Io e tante altre attrici siamo più brave di lei”

È considerata la migliore attrice della sua generazione. Ha vinto tre Oscar, due SAG, due Crtics Choice Awards, tre...

Chi è Gong Yoo? Vita privata e carriera dell’attore sudcoreano protagonista di Train to Busan

È uno dei protagonisti di Train to Busan, si chiama Gong Yoo, anche se all'anagrafe è stato registrato come...

Boys: Neri Marcorè, Marco Paolini, Giovanni Storti e Giorgio Tirabassi sono una band nel trailer del film

La Adler Entertainment ha rilasciato il trailer ufficiale di Boys, film diretto da Davide Ferrario e con protagonisti Neri...

Come Disney e Netflix, anche WarnerMedia starebbe pensando di ritirare le sue produzioni dalla Georgia, dopo la legge antiabortista che deve essere approvata

Il giorno dopo l’annuncio di Disney anche WarnerMedia sembra essere in linea con la Casa di Topolino e con il servizio di streaming Netflix, che hanno già deciso di evitare di produrre film e serie in Georgia dopo la proposta di legge antiabortista. L’annuncio ufficiale della compagnia recita:

Operiamo e produciamo in molti stati e in diversi paesi e, anche se questo non significa che siamo d’accordo con ogni posizione presa da uno stato o da un paese e dai loro leader, rispettiamo il processo di legiferazione. Seguiremo con attenzione lo sviluppo della situazione e se la nuova legge passerà, riconsidereremo l’idea della Georgia come sede di nuove produzioni, per spostarci in altri posti. Come sempre, lavoreremo a stretto contatto con i nostri partner di produzione per determinare come e dove riprendere qualsiasi progetto.

Da momento che offre ricchi incentivi fiscali, negli ultimi anni la Georgia è entrata a far parte della nicchia dei primi stati operativi per le grandi produzioni cinematografiche e televisive. Miliardi di dollari in attività economiche sono stati generati grazie alle grandi produzioni di Hollywood e alla tv. Ovviamente questi introiti sono minacciati dalla decisione del legislatore statale controllato dai repubblicani di elaborare una legge destinata a contestare la decisione di Roe v. Wade della Corte Suprema. Di conseguenza, una serie di produzioni sta riconsiderando il fatto di usare la Georgia come sede per le proprie produzioni. tra questi ci sono Netflix, il gigante dello streaming, la Casa di Topolino e ora WarnerMedia.

SourceDeadline

Ultime notizie

Sharon Stone tuona contro Meryl Streep: “È sopravvalutata. Io e tante altre attrici siamo più brave di lei”

È considerata la migliore attrice della sua generazione. Ha vinto tre Oscar, due SAG, due Crtics Choice Awards, tre...

Articoli correlati