Venom 2: lo sceneggiatore rivela nuovi dettagli della trama

Venom: la Furia di Carnage si concentrerà sulla relazione tra il simbionte ed Eddie Brock, un "matrimonio" ormai agli sgoccioli.

Venom: La Furia di Carnage arriverà nei cinema a ottobre

Venom (Tom Hardy) e Carnage (Woody Harrelson) saranno i grandi protagonisti del sequel del film del 2018, Venom: la Furia di Carnage, ma i creatori dietro la pellicola Sony ci tengono a precisare che il film si concentrerà molto anche sulla relazione tra il simbionte ed Eddie Brock. In effetti, il produttore di Spider-Man Avi Arad afferma che è diventato un “matrimonio complicato” quello tra il tormentato giornalista e il suo nuovo amico alieno. “Ovviamente tra i due c’è sfiducia all’inizio, ma hanno imparato a convivere. È diventato un matrimonio complicato. La loro co-dipendenza li costringe a stare insieme, dovranno arrivare a un’intesa”.

Leggi anche Venom: La Furia di Carnage ha una nuova data d’uscita

Secondo la sceneggiatrice Kelly Marcel (Cinquanta sfumature di grigio), dal momento che Venom ed Eddie Brock condividono lo stesso corpo da un po’ di tempo ormai, il sequel rivelerà se potranno continuare la convivenza o se dovranno separarsi. “Eddie e Venom vivono insieme, condividono un corpo, già da un po’ di tempo ormai. Si conoscono dentro e fuori, letteralmente. E come ogni situazione di vita ravvicinata, stanno iniziando a consumarsi a vicenda. Sono stati costretti a vivere insieme dalle circostanze e questo film pone la domanda se c’è la volontà di salvare la relazione o di prendere strade separate. Sono finiti insieme per caso o si appartengono davvero?”. Stando a queste dichiarazioni, Venom: La Furia di Carnage sembra una commedia romantica!

Il regista Andy Serkis, invece, paragona Let There Be Carnage alla tipica situazione alla Jekyll & Hyde. “Eddie è piuttosto arrogante, pensa che la vita gli debba un favore. Venom è l’esatto opposto, non si trattiene e dice tutto quello che pensa. E sono intrappolati insieme. Dopo essersi incontrati nel primo film, ora sono uniti da sette anni; ne hanno avuto abbastanza l’uno dell’altro e non vedono l’ora di separarsi”. Un matrimonio che finirà in divorzio?

Articoli correlati