Venezia 79: Mariacarla Boscono sexy e provocatoria sfoggia il primo topless della mostra [FOTO]

Mariacarla Boscono trasgressiva al Festival di Venezia.

Non una mera provocazione, quanto semmai una rivendicazione di stile. La supermodella Mariacarla Boscono ha sconvolto il red carpet del Festival di Venezia 79, osando il primo topless dell’attuale edizione.

La mostra cinematografica nella città lagunare rappresenta pure una storia di costume. Qui sono sbocciate coppie, mode, tendenze. Il nude look era già stato portato al Lido lo scorso anno da Salomé Dewaels, che spiazzò la platea con un abito trasparente griffato Dior. Dunque, ci provò, con maggiore disinvoltura, Matilde Gioli, la quale, sotto la giacca Armani Privé, portò sul seno appena due veli di tessuto.

Il nude look di Mariacarla Boscono

Maria Carla Boscono topless Venezia 79 Cinematographe.it

A Venezia 79 la musa delle principali maison Mariacarla Boscono ha scandalizzato i benpensanti, avvolta esclusivamente da una tavola di tulle nero firmato Jean Paul Gaultier, lasciando protagonista il seno in trasparenza. L’outfit è opera di Glenn Martens, visionario designer di Y/Project e Diesel, catapultato nella couture francese.

Per mettere in risalto il corpo, l’abito ha subito addirittura una modifica. Difatti, il modello originale della collezione primavera/estate 2022 di Martens contempla, sotto al velo nero, un corsetto. Che la stylist Ramona Tabita ha tolto dalla parte superiore. Collant velati e scarpe con il tacco a spillo di Jimmy Choo, le Anouk pump, completavano il look. La top model ospite di Venezia 79 ha raccolto la chioma in una coda bassa, evidenziando gli occhi con una riga spessa di eye-liner. Per concludere, conferivano lucentezza all’ensamble gli orecchini e il bracciale di Cartier.

Da vera icona glamour, Boscono ha seguito uno dei trend predominanti dell’epoca attuale: la celebrazione del corpo femminile. A metà tra il concettuale e il provocatorio, la 41enne tira fuori gli artigli, dando prova di non aver perso l’attitude da sempre riconosciutale, mostrata in campagne pubblicitarie ed editoriali che hanno fatto scuola.

Leggi anche Venezia 79, Lars Von Trier presenta The Kingdom Exodus. Sul Parkinson: “Continuerò a lavorare”

Articoli correlati