La saga comica sembrava effettivamente pensata come una trilogia, ma alcuni fan ancora sperano in Una notte da leoni 4. Ed Helms ci aggiorna sulla possibilità di vedere il sequel sul grande schermo.

In una nuova intervista a Cine Pop, Ed Helms, che nel franchise ha interpretato lo sfortunato dentista Stu, si è detto convinto che Una notte da leoni 4 non vedrà mai la luce. “Direi che le possibilità di vedere un quarto film sono fra zero e zero.” La star sembra poterci mettere la mano sul fuoco e, da una parte, una buona fetta di pubblico tirerà un sospiro di sollievo; il primo film si è rivelato una commedia coi fiocchi, grazie soprattutto ai personaggi stralunati interpretati da Helms, Bradley Cooper e soprattutto Zach Galifianakis. Tuttavia, col procedere dei film, la serie ha perso inesorabilmente colpi, perdendo molta della sua iniziale vitalità.

L’idea per la storia originale è basata su una vicenda che il produttore Tripp Vinson, amico del produttore esecutivo Chris Bender, aveva vissuto in prima persona. Jon Lucas e Scott Moore firmarono la sceneggiatura basandosi sul resoconto di Vinson, che a Las Vegas per il suo addio al celibato finì per ubriacarsi fino allo svenimento, allontanandosi dalla sua stessa festa; al risveglio, si ritrovò in un club con un grosso conto da saldare. I due sceneggiatori riuscirono a vendere lo script alla Warner Bros. per $2 milioni e il resto è storia, con la saga in grado di incassare quasi 1,5 miliardi nel mondo. E voi, pensate che la saga sia finita come si deve o potrebbe esserci spazio per Una notte da leoni 4? Fatecelo sapere nei commenti!

[amazon_link asins=’B00EO87RUK,B0041KYCSQ,B006006S0U,B00EP14VNW,B01LW90141,B01HZVQ3ES,B006006ROM’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’7c605997-0076-11e8-98b4-31cd315fc366′]

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto