Toy Story 4: Rashida Jones lascia non per molestie ma per razzismo e sessismo

Rashida Jones e Will McCormack avevano firmato per il quarto capitolo del famoso franchise Pixar, ma sono ora usciti dal progetto.

Da leggere

The Conjuring: i proprietari della casa rivelano di aver vissuto eventi paranormali

I proprietari della casa che ha ispirato il film horror The Conjuring affermano di aver vissuto degli strani eventi...

The Last of Us: la prima foto ufficiale sembra uscita dai videogiochi!

Svelato il first look della serie HBO The Last of Us, con Pedro Pascal e Bella Ramsey HBO ha condiviso...

Giulio Berruti e la malattia cronica che gli provoca fortissimi dolori: “ho pensato al suicidio”

Nato il 27 settembre 1984, Giulio Berruti è un volto molto apprezzato, soprattutto dall’universo femminile, per aver recitato in...

Dopo che il CCO della Pixar John Lasseter ha annunciato che si sarebbe preso una pausa dal suo incarico alla Disney a causa di “passi falsi” che avrebbe fatto, in merito a delle molestie sessuali, è stato riferito che Rashida Jones e il suo socio Will McCormack si sono dimessi dall’incarico di sceneggiatori di Toy Story 4 dopo che Lasseter avrebbe fatto un’ “avance indesiderata” nei confronti della Jones. I due hanno risposto al rapporto dicendo che questo non è vero.

Rashida Jones e Will McCormack hanno firmato per il quarto capitolo del famoso franchise Pixar, ma sono ora usciti dal progetto. In una dichiarazione al New York Times, la coppia di sceneggiatori ha fatto un resoconto sul perché hanno lasciato Toy Story 4.

“La velocità vertiginosa con cui i giornalisti hanno parlato del prossimo autore di Toy Story 4 rende alcuni rapporti irresponsabili”, hanno detto in merito all’articolo dell’ Hollywood Reporter. “Non abbiamo lasciato la Pixar a causa di avance indesiderate. Questo è falso. Ci siamo separati a causa di differenze creative e, soprattutto, filosofiche”.

La dichiarazione prosegue con le suddette differenze: “Ci sono così tanti talenti alla Pixar e restiamo grandi fan dei loro film. Tuttavia, è anche una cultura in cui le donne e le persone di colore non hanno la stessa voce in capitolo. Incoraggiamo la Pixar ad essere leader nel sostenere, assumere e promuovere più cantastorie e leader diversi. Speriamo di poter incoraggiare tutti coloro che si sono sentiti come se le loro voci non potessero essere ascoltate in passato, affinché si sentano finalmente autorizzati a parlare”.

[amazon_link asins=’B0042FZOFK,B00H2S3OF6,B01LASZPAA,B01LASZQFY’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’pluginwordpress03-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1013e925-cf6b-11e7-9407-03d05a754d52′]

Ultime notizie

The Conjuring: i proprietari della casa rivelano di aver vissuto eventi paranormali

I proprietari della casa che ha ispirato il film horror The Conjuring affermano di aver vissuto degli strani eventi...

Articoli correlati