The Flash – Ezra Miller si è scusato con i dirigenti Warner Bros. ed ha rinnovato il suo impegno nel film

Ezra Miller si è scusato personalmente con i dirigenti Warner Bros. in merito alle accuse e ai reati commessi in questi ultimi mesi.

Ezra Miller, in questi ultimi mesi, ha riempito le prime pagine dei giornali a causa dei reati commessi e delle accuse a suo carico, correlate da bizzarre dichiarazioni. Per questo ha deciso di correre ai ripari cercando di salvare almeno la sua carriera lavorativa. Secondo The Hollywood Reporter, la star avrebbe infatti incontrato i dirigenti di Warner Bros. – Michael De Luca e Pam Abdy – per assicurarsi che la sua ultima fatica, The Flash, venga rilasciata, come da accordi, nel 2023.

The Flash – l’incontro fra Ezra Miller e la Warner Bros. salverà le sorti del film?

In queste settimane Warner Bros. aveva infatti rilasciato una dichiarazione sui possibili scenari che si aprivano per il cinecomic DCEU The Flash, arrivando ad ipotizzare anche la cancellazione del film e la sua mancata distribuzione. Per questo Ezra Miller aveva deciso di confessare pubblicamente la sua volontà di cercare aiuti adeguati per i suoi problemi psicologici e di intraprendere una terapia.

Ezra Miller The Flash - Cinematographe.it

Mercoledì 24 agosto sarebbe poi avvenuto un incontro fra Miller – accompagnato dal suo agente, Scott Metzger – e i dirigenti di Warner Bros., durante il quale l’attore si sarebbe scusato per la pubblicità negativa ottenuta a causa delle sue azioni ed avrebbe ribadito il suo impegno a sostenere la promozione di The Flash, in vista dell’uscita del 23 giugno 2023. La casa di produzione, dal canto suo, non può permettersi la reale cancellazione di The Flash, descritto nei primi rapporti ufficiali come “una delle pellicole più piacevoli del DCEU, in grado di intrattenere e divertire il pubblico”. Al momento, infatti, l’universo cinematografico DCEU è fortemente in bilico, minacciato dalla fusione di Warner Bros. con Discovery e dai continui slittamenti delle pellicole dedicate ai supereroi. L’unica strada è credere alle scuse di Miller e sperare che la nuova fase della sua vita, “sana, sicura e produttiva” cominci il più presto possibile. Il destino di The Flash, dunque, pare essere ancora la sala.

Leggi anche The Flash: Ezra Miller ha preso parte alle riprese aggiuntive mentre era in fuga dalla Polizia?

Articoli correlati