EXCL The Day I Became a British Citizen: il film di cui gli italiani che vivono a Londra avevano bisogno! [VIDEO]

La richiesta della cittadinanza britannica al tempo del Covid-19 e della Brexit nel cortometraggio di The Day I Became a British Citizen.

Da leggere

Sex Education: Gillian Anderson spera che i figli non guardino mai la serie

Gillian Anderson di Sex Education di Netflix non vuole che i figli guardino la celebre serie, ecco perché! Gillian Anderson...

Dangerous Old People: recensione della docuserie Sky

Dangerous Old People, nuova docuserie Sky nata da un concept di Roberto Saviano con la produzione di Indigo Film...

Chris Pratt sarà Super Mario: “Un sogno che diventa realtà”

Ecco come Chris Pratt ha deciso di festeggiare il suo prossimo ruolo: Super Mario! La star di Hollywood Chris Pratt...

Disponibile in esclusiva su Cinematographe.it il cortometraggio di Valentina Signorelli, The Day I Became a British Citizen

Valentina Signorelli dirige e interpreta The Day I Became a British Citizen, un documentario di 13 minuti che racconta il percorso di riconoscimento della cittadinanza britannica durante il lockdown causato dall’emergenza Covid-19.

A stimolare la giovane regista è stata la sua esperienza personale. Come racconta lei stessa nel cortometraggio, a farle rendere conto della situazione di chi si trova nel Regno Unito senza cittadinanza è stata la trafila che ha dovuto compiere per dimostrare di aver abitato lì per oltre sette anni. Valentina Signorelli racconta infatti di essersi trasferita a Londra nel 2013 per motivi di studio e poi di lavoro, nonostante un periodo di disoccupazione di dieci mesi. L’attesa è stata abbastanza lunga al pari della sfilza di documenti che ha dovuto presentare (la scena in cui mostra il peso dei documenti presentati mette i brividi) ma almeno la sua pratica è andata a buon fine. Per altri, purtroppo, non è stato lo stesso, complice la Brexit e l’avvento della pandemia, che hanno complicato notevolmente le cose.

Per mettere sotto i riflettori questo aspetto la giovane non si limita a raccontare le cose dal suo punto di vista, bensì si serve dell’esperienza di altre persone, ognuna giunta lì per ragioni differenti e intenzionata a rimanere per svariati motivi. Chi per amore, chi per salute, tutti necessitano della cittadinanza britannica, eppure giustificare la loro presenza non è così semplice e il passaggio da cittadini a clandestini è davvero dietro l’angolo.

A fare da sfondo al piccolo dramma dei personaggi una Londra deserta, come tutte le città del mondo in tempo di COVID-19.

Il documentario, che abbiamo il piacere di farvi vedere in esclusiva, è prodotto da DOGODOT, neonata divisione digital della casa di produzione Daitona fondata da Valentina Signorelli, Lorenzo Giovenga e Lorenzo Lazzarini in collaborazione con la britannica Preston Witman Productions della producer Cecilia Zoppelletto.
Realizzato adempiendo alle norme anti COVID, The Day I Became a British Citizen coagula in una manciata di minuti emozioni, agitazioni e dettagli numerici di chi sceglie di spostare la propria vita in un paese differente da quello di origine. Il momento in cui Valentina diventa finalmente cittadina britannica è immortalato con la stessa solennità che si riserverebbe a una laurea, un matrimonio o una nascita. Dopotutto essere ammessa legalmente in un Paese al quale inevitabilmente si finisce di appartenere dà necessariamente una scarica di energia e soddisfazione.

Ultime notizie

Sex Education: Gillian Anderson spera che i figli non guardino mai la serie

Gillian Anderson di Sex Education di Netflix non vuole che i figli guardino la celebre serie, ecco perché! Gillian Anderson...

Articoli correlati