Spider-Man e soci potrebbero sfuggire dalle mani di Marvel nel 2023

È infatti in corso una delle battaglie legali più incredibili di tutti i tempi tra La Casa delle Idee e gli eredi di Steve Ditko, Gene Colan e Stan Lee.

Da leggere

Cowboy Bebop: Netflix annuncia l’evento live-stream per il primo trailer

Il primo trailer di Cowboy Bebop verrà mostrato durante un evento online! Netflix vuole fare le cose in grande per...

The Last Manhunt: le prime immagini del film western con Jason Momoa

Jason Momoa è uno dei protagonisti del film western The Last Manhunt, diretto da Christian Camargo Le prime immagini di...

Percy Jackson: annunciato il regista del pilot della serie Disney+

Il regista del primo episodio di Percy Jackson è lo stesso del film Dora e la città perduta James Bobin,...

Block title

Spider-Man è attualmente co-gestito dalle tue company dell’intrattenimento

Spider-Man è uno dei personaggi più noti e impattanti dei fumetti, che ha visto la luce, per la prima volta, nell’agosto del 1962 grazie alla penna di Steve Ditko e Stan Lee. Ebbene, allo stato attuale, i diritti del personaggio sono co-gestiti da Sony e Marvel: se la prima, infatti, detiene i diritti di sfruttamento generale, con l’avvento dell’Uomo Ragno di Tom Holland, Marvel può usare il supereroe nel suo universo di riferimento, ovvero il Marvel Cinematic Universe. Recentemente ci sono stati degli scontri tra le company che hanno portato sostanzialmente ad uno stallo, con Spider-Man: No Way Home in arrivo e nessun problema all’orizzonte. Ma le cose non finiscono qui, come riportato da Screen Rant.

Spider-Man: No Way Home - Cinematographe.it

L’amministratore del patrimonio di Steve Ditko, ovvero il fratello Patrick S. Ditko, infatti, ha pensato bene di fare causa a Marvel per lo sfruttamento della creazione dell’artista (e di anche altri personaggi come Doctor Strange, Iron-Man, Hawkeye) rivendicando con forza i copyright sui personaggi, come stabilito dalla legge, che prevede che gli autori o gli eredi di queste creazioni possano richiedere il controllo degli stessi dopo un periodo di tempo preciso, tentando di rendere le figure libere da ogni condizionamento esterno. Nonostante la sconfitta in tribunale, Marvel ha risposto a tale mossa strategica, muovendo anche lei degli avvocati anche contro gli eredi di Stan Lee, Gene Colan e altri padri putativi dei supereroi tentando di ribaltare la situazione, mettendo in evidenza che per Spider-Man e soci non vale quanto sopra perché vengono considerati “materiali da noleggio” quindi delle opere su commissione.

Se Marvel perdesse la causa, la company insieme a Sony dovrebbero rinunciare ai diritti su Spider-Man, mentre la Casa delle Idee dovrebbe fare a meno anche degli altri “colleghi”, tutto questo nel giugno 2023. Anche se immaginiamo che tale scenario sia improbabile, sarebbe interessante un mondo privo dell’influenza di tali aziende, con compagnie nuove di zecca pronte ad accaparrarsi nuovamente il controllo di figure con così tanto successo alle spalle.

Leggi anche Spider-Man: No Way Home – Andrew Garfield svela la verità sulle misteriose foto trapelate online

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Cowboy Bebop: Netflix annuncia l’evento live-stream per il primo trailer

Il primo trailer di Cowboy Bebop verrà mostrato durante un evento online! Netflix vuole fare le cose in grande per...

Articoli correlati