“RoboCop Returns sarà R-Rated”, è quanto ha dichiarato Neill Blomkamp in un tweet dopo la breaking news del ritorno sul grande schermo del poliziotto robot

Una delle notizie che ha fatto scalpore è stata quella riguardante Neill Blomkamp e il suo ritorno alla regia. Infatti il visionario regista di District 9 ed Elysium tornerà al cinema con RoboCop Returns, un film che sarà il sequel diretto del primo indimenticabile RoboCop. In effetti, la sceneggiatura originale è stata scritta da Ed Neumeier e Michael Miner, quindi sembra già un grande passo in avanti per il futuro film di Blomkamp.

Con una scelta alquanto discutibile, il remake del 2014 di RoboCop è stato un film PG-13, strano considerando che il classico originale era dannatamente violento e classificato come R. Quindi, per quanto riguarda questo, tutti voi vi starete chiedendo se torneremo o meno a vedere scorrere del sangue. La scorsa notte su Twitter, Blomkamp ha assicurato ai fan di RoboCop di avere pronto un sequel davvero molto violento…

Neill Blomkamp torna dietro la macchina da presa con RoboCop Returns, ecco l’annuncio ufficiale di MGM

“Ci saranno tutte queste cose”, ha osservato Blomkamp, ​​in risposta a un tweet di un fan che sperava che il film fosse classificato come R, pieno di satira, e pieno di scene esplosive.

“L’originale ha sicuramente avuto un effetto enorme su di me da bambino”, ha detto Blomkamp durante un colloquio con Deadline. “Mi è piaciuto molto e rimane un classico nel catalogo di fantascienza del 20° secolo, con un vero significato sotto la superficie. Speriamo che questo sia qualcosa a cui possiamo avvicinarci nel fare un sequel. Questo è il mio obiettivo senza dubbio. Ciò a cui mi sono collegato da bambino si è evoluto nel tempo. In un primo momento, il consumismo, il materialismo e la Regan mania, il tema degli anni ’80 dell’America sugli steroidi, è divenuto sempre più forte. Ma da quando sono diventato più grande, la parte che ha veramente colpito il mio essere è l’identità e la ricerca dell’identità. Finché la componente umana è presente, una buona storia può funzionare in qualsiasi periodo di tempo, non è bloccata in un posto specifico nella storia”.

 


Dunque attendiamo ulteriori sviluppi sul sequel di RoboCop, diretto da Neill Blomkamp.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie

Qualcosa è andato storto

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento...