Robin Williams e il toccante ricordo dei figli a 8 anni dalla sua morte

I figli di Robin Williams rendono omaggio al compianto attore, nell'ottavo anniversario della sua morte.

Sono passati 8 anni da quella tragica notizia. Una notizia che ha solcato inevitabilmente un prima e un dopo nel mondo del cinema. Il talento di Robin Williams continua a rischiarare i nostri schermi, ma la sua perdita rimane una dura realtà a cui venire a patti. 8 anni dopo la sua scomparsa – avvenuta l’11 agosto 2014 – i suoi figli lo ricordano con degli emozionanti messaggi pubblicati sui social.

I figli di Robin Williams rendono omaggio al compianto attore nell’ottavo anniversario della sua morte

Robin Williams morte ricordo figli cinematographe.it

Zak Williams, 39 anni, ha condiviso una bellissima foto ricordo di famiglia e ha scritto: “Papà, nell’ottavo anniversario della tua morte, sto ricordando quanto sei stato incredibilmente gentile e gioioso. Mi manchi profondamente, uomo meraviglioso e peloso, e oggi festeggeremo la tua vita. Ti amo così tanto!”.

Leggi anche Robin Williams e quel prezioso consiglio che salvò la vita del piccolo protagonista di Mrs Doubtfire

Anche la figlia della star di Mrs. Doubtfire, Zelda Williams (chiamata così in onore del celebre personaggio dei giochi Nintendo, di cui era un grandissimo appassionato), 33 anni, ha pubblicato un dolce messaggio, citando lo scrittore giapponese Haruki Murakami. “E una volta che la tempesta sarà finita, non ti ricorderai come ce l’hai fatta, come sei riuscita a sopravvivere. Non sarai nemmeno sicuro se la tempesta sia davvero finita. Ma una cosa è certa. Quando uscirai dalla tempesta, non sarai la stessa persona che vi è entrata.” La donna ha aggiunto al messaggio i numeri di emergenza da chiamare per la prevenzione al suicidio.

La sera dell’11 agosto 2014 è stata diffusa la notizia che l’attore Robin Williams si è suicidato all’età di 63 anni. Solo in seguito all’autopsia è stato scoperto che l’attore soffriva di demenza con corpi di Lewy, il secondo tipo più comune di demenza progressiva dopo l’Alzheimer.

Fonte: People

Articoli correlati