Robert Downey Jr. sull’addio alla Marvel: “Ho fatto tutto quello che potevo”

Robert Downey Jr. dice di aver "fatto tutto il possibile" con il personaggio di Iron Man. È quindi un addio al Marvel Cinematic Universe?

Robert Downey Jr. torna a parlare della sua decisione di dire addio al personaggio di Iron Man

Dopo 11 anni “creativamente soddisfacenti” come supereroe di punta del Marvel Cinematic Universe, Robert Downey Jr. dice di aver “fatto tutto il possibile” con il personaggio di Iron Man. L’attore 55enne ha guidato il lancio dell’MCU con il film Iron Man del 2008 e da allora ha recitato in 10 film targati Marvel Studios, fino al 2019, culminando con l’eroico sacrificio di Tony Stark in Avengers: Endgame. Mentre la Marvel entra in un’altra fase con nuovi supereroi come Riri Williams (Dominique Thorne) in Ironheart – una geniale inventrice che crea l’armatura più avanzata dai tempi di Iron Man – Downey riflette sul suo viaggio da Iron Man ad Endgame, ecco cosa ha detto all’Hindustan Times:

Interpretare Tony/Iron Man è stato difficile e ho scavato a fondo. Ho avuto un’incredibile corsa di 10 anni che è stata creativamente soddisfacente.

Alla domanda se ha avuto difficoltà a lasciare il ruolo dopo più di un decennio come Tony Stark, Downey ha detto: “Ho fatto tutto quello che potevo con quel personaggio e ora posso fare altre cose. Ora, essendo di mezza età, inizi a guardarti indietro e mi rendo conto che tutto questo fa parte del viaggio, e le cose finiscono. Sono fortunato ed eternamente grato di essere dove sono ora”.

L’attore ha inoltre aggiunto che tra lui e Tony Stark ci sono molte somiglianze, a partire dal suo lavoro con la Footprint Coalition, iniziativa che utilizza tecnologie per la tutela dell’ambiente, e la serie di documentari YouTube incentrata sulla tecnologia The Age of AI. Robert Downey Jr. ha tuttavia rimarcato il fatto che: “Credo nelle distanza estetica. Non sono Tony”.

Articoli correlati