Quella volta che Walter Chiari e Carlo Campanini rappresentarono parte degli italiani con l’esilarante sketch del Sarchiapone

Chi è il Sarchiapone? Per i napoletani ha un significato, ma cosa rappresenta per Walter Chiari?

Da leggere

Timothée Chalamet: è venuto alla luce un particolare segreto sul suo passato

Timothée Chalamet è il protagonista del nuovo Dune nei panni di Paul Atreides Timothée Chalamet ha un passato oscuro che...

Masters of the Universe: Revelation – nel trailer della Parte 2 la battaglia tra bene e male si fa monumentale!

Masters of the Universe: Revelation ha debuttato su Netflix il 23 luglio 2021 Masters of the Universe: Revelation ha riportato...

Hawkeye: Jeremy Renner ha spiegato la connessione tra la serie e i fumetti

Hawkeye è ispirata principalmente alla run fumettistica sul personaggio di Matt Fraction e David Aja Hawkeye è la nuova serie...

Block title

Se andaste a Napoli, potreste sentire dire in giro, in modo scherzoso il termine Sarchiapone. Ma cosa significa questo termine partenopeo e perché Walter Chiari decise di utilizzarlo in un suo sketch del 1958?

Il termine Sarchiapone ha origini antiche: deriva dalla parola greca, che significa carne ed è entrato nell’uso comune fin dal 1600. Comparso per la prima volta da Giambattista Basile nella novella Peruonto, il sarchiapone è diventato poi per i napoletani una persona credulona e goffa, senza un po’ di cervello. Oltre i napoletani, pochi saprebbero dirvi cosa significa effettivamente questo termine, tanto che sorprese tutti l’ultilizzo da parte di Walter Chiari del termine nella puntata del programma Rai La via del successo.

Lo sketch di Walter Chiari insieme a Carlo Campanini

La scena in questione era ambientata in uno scompartimento ferroviario affollato. Uno dei passeggeri (Companini), attirando l’attenzione su di sé affermava di portare sempre un sarchiapone americano durante i suoi viaggi. Un altro passeggero (Chiari), fingendo di sapere cosa fosse, intratteneva una chiacchierata con il proprietario del sarchiapone. Durante la conversazione, ormai troppo tardi per ammettere di essere ignorante in merito, continuava a descrivere il sarchiapone come un animale sempre più spaventoso. A un certo punto, vedendo che il suo interlocutore era ormai sull’orlo della disperazione, il padrone del fantomatico sarchiapone ammise che quello non era altro il nome di un animale inventato, che usava per terrorizzare i passeggeri e viaggiare da solo in cabina.

Da allora, il sarchiapone deve ringraziare Walter Chiari per essere conosciuto anche in tutta Italia, anche se in un’accezione completamente diversa da quella napoletana. Per chi ha vissuto nella generazione del Chiari, il sarchiapone non era altro che “qualcosa di strano e indefinibile”. Dopo questa prima messa in onda, lo scketch tanto famoso fu riproposto nel 1973 – durante il programma L’appuntamento – e poi nel 2016 in Sogno o son desto di Massimo Ranieri.

Leggi anche Helen Hunt e quella volta che ricevette una dichiarazione d’amore indimenticabile, in grado di battere qualunque altra 

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Timothée Chalamet: è venuto alla luce un particolare segreto sul suo passato

Timothée Chalamet è il protagonista del nuovo Dune nei panni di Paul Atreides Timothée Chalamet ha un passato oscuro che...

Articoli correlati