Paolo Sorrentino e la terribile tragedia familiare alla base del suo nuovo film: il regista racconta come ha deciso di elaborare il dolore

Paolo Sorrentino rievoca un terribile evento, che ne ha irrimediabilmente sconvolto la vita.

Da leggere

The Flash: il regista annuncia la fine delle riprese con nuove foto dal set

Andy Muschietti rivela che le riprese dell'atteso nuovo film su The Flash sono terminate Un fine settimana piuttosto entusiasmante per...

Gigi Proietti: è nata ufficialmente la Fondazione a lui dedicata

Tanti personaggi del mondo dello spettacolo hanno aderito al progetto, voluto dalla famiglia dell'attore romano È passato ormai quasi un...

Alfredino Rampi: morto Angelo Licheri, il volontario che tentò di salvarlo

Angelo Licheri era uno dei volontari che tentarono di salvare il piccolo Alfredo Rampi dal pozzo artesiano nel giugno 1981 Si...

Block title

Il film È stato la mano di Dio, presentato all’edizione 2021 del Festival di Venezia, è un modo per Paolo Sorrentino di rielaborare l’improvvisa scomparsa della madre e del padre, a causa di una fuga di monossido. Giunto a compiere 50 anni, ha fatto dei bilanci e si è reso conto che nella sua infanzia e adolescenza c’era stata una grande parte d’amore e una dolorosa. Nel lungometraggio, accolto dagli applausi scroscianti dei presenti, una volta terminata la proiezione in sala, sono stati inseriti eventi realmente accaduti, altri no.

Paolo Sorrentino: la morte dei genitori in circostanze tragiche

Paolo Sorrentino - Cinematographe.it

Ma – ha spiegato il cineasta – è autentico nel riflettere lo stato d’animo allora provato. Una storia più personale ed emozionale rispetto a quelle raccontate in precedenza. Tutti i suoi lungometraggi sono nati da sentimenti in grado di appassionarlo, ma dopo averli realizzati tale passione è svanita. In tal caso, ha pensato che se avesse girato una pellicola sui suoi problemi, forse sarebbe anche riuscito – almeno in parte – a dimenticarli.

Presso la casetta di villeggiatura, appena acquistata a Roccaraso, una fuga di monossido di carbonio gli portò via i genitori. Paolo Sorrentino chiese loro il permesso di rimanere a Napoli. Per vedere Maradona in tv, il suo mito. In un certo senso El Pibe de Oro gli ha, quindi, salvato la vita. Dai suoi primi appunti autobiografici non pensò inizialmente di ricavare un film; credeva di donarli ai figli. Perché potevano capire non tanto il suo carattere quanto i suoi difetti.

paolo sorrentino cinematographe

Se altre persone si identificheranno, se riconosceranno qualcosa delle esperienze personalmente vissute nell’opera, allora la sofferenza sarà divisa a metà, ha concluso Paolo Sorrentino. La mano del titolo è la stessa con cui Maradona beffò l’Inghilterra ai Mondiali di Calcio nel 1986. Un gesto vissuto dal popolo albiceleste come la redenzione dalla guerra delle Falkland combattuta poco prima.

Leggi anche Venezia 78 – È stata la mano di Dio: recensione del film di Paolo Sorrentino

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

The Flash: il regista annuncia la fine delle riprese con nuove foto dal set

Andy Muschietti rivela che le riprese dell'atteso nuovo film su The Flash sono terminate Un fine settimana piuttosto entusiasmante per...

Articoli correlati