Noir in festival 2019 Cinematographe.it

Incontri, proiezioni e eventi speciali: scopriamo il programma completo della nuova edizione del Noir in Festival

Per gli appassionati del mistero e del brivido, è in arrivo un appuntamento davvero imperdibile! Dal 6 al 12 dicembre torna infatti il Noir in Festival, la manifestazione dedicata al mondo del mistero e del thriller, giunto quest’anno alla sua 29° edizione. Il festival, diretto da Giorgio Gosetti, Marina Fabbri e Gianni Canova, si terrà come sempre tra Milano e Comeo.

Un’edizione quella di quest’anno nel segno della memoria: il festival infatti ha deciso di celebrare gli 80 anni di Batman, il cavaliere oscuro nato dalla graphic novel e diventato negli anni una vera e propria icona cinematografica. La locandina di questa edizione del Noir in Festival ne è la dimostrazione: firmata da Lorenzo De Felici, l’immagine mostra in alto il supereroe, mentre in basso è raffigurato un classico anomalo del genere come The Third Man di Carol Reed, vincitore del Grand Prix al Festival di Cannes nel 1949. Due film completamente diversi che però uniscono fsntasy e thriller, a dimostrazione di come il campo d’azione del genere possa includere elementi all’apparenza distanti. Un’idea a cui si ispira l’intero festival, come hanno dichiarato Marina Fabbri e Giorgio Gosetti:

A quest’idea si ispira tutto il programma dell’anno, costruito sulla doppia suggestione della tradizione e degli sconfinamenti, con un legame più forte di sempre tra cinema e letteratura, storia e cronaca, a cominciare dal vincitore del Raymond Chandler Award, Jonathan Lethem, nuova stella della letteratura post-moderna americana, premiato a Como la sera del 7 dicembre e poi protagonista di un incontro con i lettori domenica 8 dicembre a Milano.

Come sempre al Noir in Festival non mancheranno i film in concorso, che saranno giudicati da una giuria tutta al femminile, composta dall’attrice Lucia Mascino, dalla regista Patricia Mazuy e dalla produttrice/festival manager Mira Staleva. Tra i titoli che verranno presentati troviamo Araña di Andrés Wood, il brasiliano Bacurau di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles, ma anche l’argentino 4X4 di Mariano Cohn. Una serie di titoli che portano in primo piano la “nuova onda” del cinema sudamericano, completamente diversi tra loro ma tutti impegnati nel declinare il genere noir in contesti particolari. Completeranno poi il programma dei film in concorso Dear Agnes di Daniel Alfredson, l’ultimo film della trilogia svedese di Intrigo ideata da Håkan Nesser (ospite d’onore per la letteratura), il coreano The Beast di Lee Jeong-ho e il sorprendente cinese Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan, rivelazione all’ultimo festival di Cannes. Non mancherà poi l’assegnazione del Premio Caligari, che vede la partecipazione dei finalisti della stagione. Saranno sei i film visti e giudicati dalla grande giuria popolare presente all’Auditorium IULM di Milano, tra cui troviamo L’uomo del labirinto di Donato Carrisi, Il ladro di giorni di Guido Lombardi, Lo spietato di Renato De Maria, 5 è il numero perfetto di Igort, Gli uomini d’oro di Vincenzo Alfieri e La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi. Inoltre Il Traditore, l’ultimo lavoro di Marco Bellocchio, verrà insignito da IULM della Laurea Honoris Causa.

Il Noir in Festival non è solo cinema, ovviamente. Come sempre, il legame tra grande schermo e letteratura del genere rimane molto stretto e anche quest’anno saranno tantissimi gli ospiti che prenderanno parte alla manifestazione. Tra loro troveremo autori affermati come Giancarlo de Cataldo, Gianrico Carofiglio, Maurizio De Giovanni, Donato Carrisi, ma anche talenti emergenti come Piernicola Silvis e Andrea Purgatori, incursori di grandissima qualità come Antonio Moresco e Guido Vitiello, outsider inattesi come Gino Vignali. Infine parteciperanno anche all’evento i i cinque finalisti del Premio Giorgio Scerbanenco che si contendono il titolo di autore italiano noir dell’anno.

Completeranno poi il programma di questa 29° edizione del Noir in Festival gli eventi speciali, tra cui troveremo l’anteprima della nuova serie svedese Stokholm Requiem dai romanzi di Kristina Ohlsson, il Premio Svizzeretto assegnato al produttore-regista Claudio Bonivento, l’omaggio di Antonietta De Lillo a un altro grande outsider del genere come Lucio Fulci, la conversazione con Andrea Purgatori sulla “nuova guerra fredda”, il doppio incontro con Adrian Wootton che racconta il rapporto col cinema di Graham Greene e intervista Angela Allen, unico testimone vivente del set di The Third Man. E ancora la Giornata dedicata a Giorgio Scerbanenco, il premio alla carriera a Bertrand Tavernier, le ormai tradizionali “Pillole in Luce” che quest’anno hanno per tema le grandi (e piccole) rapine e una mostra organizzata in collaborazione con Astorina su un altro importante protagonista del fumetto, Diabolik.

In contemporanea con il festival poi, anche quest’anno si terrà l’evento nazionale MICI19, creato in collaborazione con AGICI e dedicato alla produzione audiovisiva di genere e alle prospettive di internazionalizzazione transfrontaliera.

SPECIALE OSCAR 2020
Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto


LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE