No time to die sarà l’ultima volta di Daniel Craig nei panni di James Bond

Daniel Craig conferma che No time to die, in arrivo nei cinema ad aprile, sarà la sua ultima volta nei panni di James Bond.

L’attore conferma che dopo a No time to die non tornerà a recitare come l’iconica spia inglese

Aveva già detto addio al personaggio anni fa, ma ora Daniel Craig sembra proprio non voler più illudere i suoi fan: No time to die, in arrivo nei cinema ad aprile, sarà la sua ultima volta nei panni di James Bond, l’icona cinematografica che ha fondato un franchise stellare. L’ha rivelato durante una sua apparizione al The Late Show with Stephen Colbert, quando il presentato gli ha chiesto se avesse definitivamente chiuso col personaggio. “Si, è finita” ha risposto l’attore inglese.

Ricordiamo che l’attore aveva già annunciato il suo addio al ruolo, nel 2015 quando uscì Spectre. Due anni dopo cambiò idea, dicendo: “Questo lavoro mi diverte e voglio farlo ancora”. Craig ha riavviato la serie cinematografica nel 2006 con Casino Royale, seguito poi da Quantum of Solace, Skyfall e Spectre. No time to die arriverà nei cinema l’8 aprile 2020. Cary Joji Fukunaga ha diretto il film, scritto da Scott Z. Burns e Phoebe Waller-Bridge. Ritornano nel cast Ralph Fiennes (M), Naomi Harris (Eve Moneypenny), Ben Whishaw (Q), Rory Kinnear (Bill Tanner), Jeffrey Wright (Felix Leiter) e Léa Seydoux (Dr. Madeleine Swann), mentre le new entry sono Rami Malek nei panni del villain, Ana de Armas (Paloma), Lashana Lynch (Nomi), David Dencik (Waldo), Dali Benssalah e Billy Magnussen.

No Time To Die, cinematographe.it

In No time to die, Bond ha lasciato il servizio e si sta godendo una vita tranquilla in Jamaica. La sua pace però è di breve durata perché un suo vecchio amico, Felix Leiter, dalla CIA torna a chiedergli aiuto. La missione di salvare uno scienziato rapito si rivela essere più pericolosa di quanto atteso, portando Bond sulle tracce di un villain misterioso armato con una nuova pericolosa tecnologia.

Articoli correlati