Martin Scorsese - Cinematographe.it

In attesa dell’uscita di Killers of the Flower Moon, Martin Scorsese ha realizzato un cortometraggio nella sua casa durante la quarantena

I fan di Martin Scorsese e gli amanti del cinema in generale stanno attendendo con ansia l’uscita di Killers of the Flower Moon, il nuovo film del cineasta statunitense. Per vedere l’opera sul grande schermo bisognerà però attendere ancora un po’, se pensiamo che Scorsese si trova ancora in fase di trattativa con alcune case di produzioni per portare avanti la realizzazione del film.

Killers of the Flower Moon: Scorsese in trattative con Apple e Netflix

In attesa di scoprire nuovi dettagli riguardo il film che vedrà protagonista Leonardo DiCaprio, possiamo però goderci un nuovo lavoro realizzato proprio da Martin Scorsese. Infatti, se gran parte dell’universo cinematografico e seriale è rimasto paralizzato nelle settimane di emergenza sanitaria, un regista 78enne che ha fatto del cinema la propria vita non ha saputo rimanere con le mani in mano neanche in questa circostanza. Ecco allora che ha preso vita il cortometraggio, realizzato nella sua casa di New York, che uscirà sulla BBC il 28 maggio e che costituirà l’ultimo episodio della serie Lockdown Culture with Mary Beard.

A tal proposito, Martin Scorsese ha spiegato:

In futuro voglio portare con me ciò che sono stato costretto a imparare in questa circostanza. L’essenziale, le persone che ami, prenderti cura di loro e starci insieme il più possibile.

Mary Beard ha voluto aggiungere:

Martin Scorsese ha realizzato uno splendido finale per la serie. Lo vediamo mentre è a casa e, attraverso film classici come Il Ladro di Alfred Hitchcock, pensa all’isolamento. Brillante è il modo in cui riesce a far vedere Hitchcock anche a noi con un occhio diverso, attraverso l’obiettivo della situazione attuale che stiamo vivendo. Per me è come ospitare una piccola premiere, ero al settimo cielo quando ha accettato di fare questo per noi.

Durante l’episodio ci sarà anche Lee Daniels che spiegherà come l’attuale interruzione dei lavori a Hollywood possa rappresentare un’opportunità creativa radicale per i registi.