Madonna Alan Parker - Cinematographe.it

A 24 ore di distanza dalla morte di Alan Parker, la cantante Madonna ha condiviso sui social un post in cui ha ricordato la loro collaborazione per il film Evita

Nella giornata di ieri il mondo del cinema ha detto addio ad Alan Parker. Il regista britannico si è spento a 76 anni, arrendendosi ad una malattia che lo tormentava da tempo. Tra le sue opere più famose spiccano il musical Saranno Famosi e Fuga di mezzanotte, anche se nessuno può dimenticare il suo lavoro dietro a Evita, film che nel 1996 ha visto Madonna nel ruolo di Evita Perón. E proprio la popstar americana ha voluto rendere noto il suo dispiacere per la dipartita del cineasta, attraverso un post condiviso sui canali social contenenti alcune loro foto e la seguente scritta:

Sono così triste nel sapere della scomparsa di Alan Parker. Uno dei più grandi registi con cui abbia mai lavorato, per il film Evita. Mi ha insegnato così tanto, ha creduto in me, mi ha spinto oltre i miei limiti ed ha fatto un film incredibile! Grazie! – Madonna –

Queste, dunque, le parole della cantante che, dopo Evita, è tornata sul grande schermo soltanto in altre tre occasioni (Sai che c’è di nuovo? nel 2000, Travolti dal destino nel 2002 e La morte può attendere nel 2002). Per quanto riguarda il film di Alan Parker, Madonna è stata protagonista di un’iconica scena/esibizione sulle note di Don’t Cry For Me Argentina, il cui video musicale riportiamo di seguito:

Tra le altre opere famose dirette da Alan Parker ricordiamo Piccoli Gangsters, Mississippi Burning – Le radici dell’odio e The Commitments.

« I was so sad to hear about the passing of Alan Parker.One of the greatest directors iI’ve ever worked with—on the…

Gepostet von Madonna am Samstag, 1. August 2020

E TU COSA NE PENSI? LASCIA IL TUO COMMENTO

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto

LE NOSTRE INTERVISTE ESCLUSIVE