Luke Perry e quella malattia che lo portò via troppo presto: l’attore aveva fatto testamento nel 2015

Luke Perry, attore e iconico volto della celebre serie Beverly Hills 90210, fece testamento dopo aver scoperto una grave malattia.

Da leggere

Dwayne Johnson debutta su Fortnite nel ruolo di The Foundation [VIDEO]

L'attesissimo evento The End che chiude Fortnite - Chapter 2 ha riservato una grande sorpresa per i fan di...

Halle Berry di nuovo nei panni di Tempesta? L’attrice accetterebbe subito!

Se le venisse data l'occasione, Halle Berry interpreterebbe volentieri la mutante Tempesta in un nuovo progetto sugli X-Men Sin dal...

Jeff Garlin si difende dalle accuse di comportamenti inappropriati sul set

In una nuova intervista, Jeff Garlin sostiene di non essere stato licenziato dalla serie The Goldbergs, smentendo di essersi...

Block title

Luke Perry, attore statunitense e iconico volto di Dylan McKay della storica Beverly Hills 90210, e successivamente idolo delle teenager, è scomparso il 4 marzo del 2019 all’età di 53 anni; oggi, 11 ottobre 2021, avrebbe compiuto il suo 55º compleanno. Trasferitosi a Los Angeles all’età di 18 anni e appassionandosi alla recitazione, iniziò a fare lavori saltuari per mantenersi come impiegato in un’azienda di pavimentazioni d’asfalto e in una fabbrica di porte, ottenendo poi i primi ruoli dopo numerosi provini, nell’arco di 4 anni. L’anno successivo, nel 1989, Luke Perry venne scritturato per il ruolo di Dylan McKay in Beverly Hills 90210, con il quale ottenne una grande popolarità. Durante il ruolo di McKay prese parte anche a una serie di film come Buffy – L’Ammazza Vampiri, Il quinto elemento, Mistero alle Bermuda, recitando nel film per la TV Riot, e nelle serie tv Oz, Jeremiah e Riverdale.

La prematura scomparsa dell’attore Luke Perry

Riverdale, cinematographe.it
Riverdale — “Pilot” — Image Number: RVD101b_0376.jpg — Pictured (L-R): KJ Apa as Archie and Luke Perry as Fred — Photo: Diyah Pera/The CW — © 2016 The CW Network. All Rights Reserved.

 

Guest star di numerosi show televisivi, l’ultima apparizione di Luke Perry risale a C’era un volta a… Hollywood, di Quentin Tarantino nel ruolo di Wayne Maunder. Nel 2015, a seguito di una colonscopia, l’attore scoprì una serie di escrescenze pre-cancerose. Negli anni successivi divenne un sostenitore dei test del cancro al colon e fece testamento. Oltre a nominare i figli Jack e Sophie, avuti dall’ex moglie Rachel Minnie Sharp, come unici beneficiari, chiedeva anche, in caso di morte cerebrale, di non lasciarlo in vita e staccare la spina. Dopo aver combattuto e sconfitto il cancro al colon, un inctus improvviso spinse i medici a indurlo in un coma farmacologico che, a quanto pare, portò proprio a quella situazione, senza speranze, per la quale, nel suo testamento chiedeva di staccare la spina. Un volontà che è stata rispettata.

Luke Perry, attore statunitense e iconico volto di Dylan McKay della storia Beverly Hills 90210 e idolo delle teenager, è scomparso il 4 marzo del 2019 all’età di 53 anni; oggi, 11 ottobre 2021, avrebbe compiuto il suo 55º compleanno. Trasferitosi a Los Angeles all’età di 18 anni appassionandosi alla recitazione, iniziò a fare lavori saltuari per mantenersi come impiegato in una pavimentazioni d’asfalto e in una fabbrica di porte, ottenendo poi i primi ruoli dopo numerosi provini nell’arco di 4 anni. È poi l’anno successivo, nel 1989, che Luke Perry venne scritturato per il ruolo di Dylan McKay in Beverly Hills 90210, con il quale ottenne una grande popolarità. Durante il ruolo di McKay prese parte anche a una serie di film come Buffy – L’Ammazza Vampiri, Il quinto elemento, Mistero alle Bermuda, recitando nel film per la TV Riot, Oz e Jeremiah.

La scomparsa dell’attore Luke Perry

Guest star di numerosi show televisivi, l’ultima apparizione di Luke Perry risale a C’era un volta a… Hollywood, di Quentin Tarantino nel ruolo di Wayne Maunder. Nel 2015, a seguito di una colonscopia, l’attore scoprì una serie di escrescenze pre-cancerose. Negli anni successivi divenne un sostenitore dei test del cancro al colon e fece testamento. Oltre a nominare i suoi figli come unici beneficiari, chiedeva anche, in caso di morte cerebrale, di non lasciarlo in vita e staccare la spina. Dopo aver combattuto e sconfitto il cancro al colon, un inctus improvvisò spinse i medici a indurlo in un coma farmacologico che, a quanto pare, portò proprio a quella situazione, senza speranze, per la quale, nel suo testamento chiedeva, appunto, di staccare la spina. Un volontà che è stata rispettata.

 

Leggi anche Avete visto la moglie di Gianmarco Tognazzi? Lui l’ha corteggiata appassionatamente e lei si è trasferita per amore

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

00:02:44

Dwayne Johnson debutta su Fortnite nel ruolo di The Foundation [VIDEO]

L'attesissimo evento The End che chiude Fortnite - Chapter 2 ha riservato una grande sorpresa per i fan di...

Articoli correlati