L’ufficiale e la spia: trama e cast del film di Roman Polanski

Le vicende de L'ufficiale e la spia, ambientate verso la fine del XIX secolo, si ispirano a fatti realmente accaduti.

L’ufficiale e la spia di Roman Polanski racconta un caso reale, risalente a fine Ottocento

L’ufficiale e la spia, insignito del Leone d’Argento alla Mostra d’arte cinematografica di Venezia, è un film di Roman Polanski che scava a fondo sulle angoscianti vicende di Alfred Dreyfus, l’ufficiale francese accusato, nel 1894, di spionaggio a favore della Germania. Il suo caso ebbe un notevole eco mediatico, dividendo l’opinione pubblica dell’epoca, tra chi ne perorava l’innocenza e chi, al contrario, lo riteneva colpevole delle azioni attribuitegli.

J'accuse (L'ufficiale e la spia) cinematographe.it

Roman Polanski non si è occupato solo della regia de L’ufficiale e la spia, bensì ha pure curato la sceneggiatura, sebbene a quattro mani con Robert Harris, autore dell’omonimo romanzo da cui il lungometraggio attinge, edito in Italia da Mondadori.

I due avevano già collaborato in passato con L’uomo nell’ombra, pellicola di Polanski basata sull’opera di Harris, Il ghostwriter, e in un adattamento cinematografico di una precedente fatica letteraria dello scrittore, Pompei, poi non concretizzatosi. Dopo vari ritardi accumulati nella produzione, le riprese de L’ufficiale e la spia hanno avuto inizio il 26 novembre del 2018 e sono terminate il 28 aprile del 2019, anno di rilascio nelle sale. La storia è ambientata a Parigi.

Una scena de L'ufficiale e la spia

Il 5 gennaio 1895, al promettente ufficiale Alfred Dreyfus viene imputato il reato di spionaggio per conto dello Stato tedesco e l’uomo è così condannato all’ergastolo, da scontare presso l’Isola del Diavolo. Fra i testimoni dell’umiliazione c’è Georges Piquart, che ottiene la nomina a capo della Sezione di statistica, il medesimo dipartimento del controspionaggio militare che aveva mosse le accuse all’indirizzo di Dreyfus.

Ma nel momento in cui Piquart scopre la tipologia di segreti che stavano per essere spifferati alla Germania, finisce trascinato in una spirale di inganni e corruzione che metteranno in pericolo non solo il suo onore ma la sua stessa vita.

Dalla durata complessiva di 126 minuti, il titolo annovera nel cast principale: Jean Dujardin (interpreta Marie-Georges Piquart), Louis Garrel (Alfred Dreyfus), Emmanuelle Seigner (Pauline Monnier), Mathieu Amalric (Alphonse Bertillon).

Leggi anche Venezia 76 – J’accuse (L’ufficiale e la spia): recensione del film di Roman Polański

 

Articoli correlati