L’avete riconosciuto? Amava la velocità, il surf e le arti marziali. Era un gran benefattore e il modo in cui lo abbiamo perso è inaccettabile

Si prodigava molto per il prossimo

Da leggere

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Ayla – la figlia senza nome: la storia vera del film di Can Ulkay

Ayla - la figlia senza nome è un film del 2017 diretto da Can Ulkay. Ambientato durante la guerra...

L’uomo dei Ghiacci: la spiegazione del film con Liam Neeson

Arriva Liam Neeson e con un pugno salva tutti. Più o meno. Diciamo che L'uomo dei Ghiacci fa un lungo giro...

Block title

30 novembre 2013. Alla guida della sua Porsche Carrera GT lasciò un evento per beneficenza, il Walker Reach Out Worldwide. A bordo dell’auto con Roger Rodas, 38 anni, percorse la Hercules Street vicino a Kelly Johnson Parkway a Valencia, Santa Clarita, in California. Paul Walker non tornerà più a casa.

Paul Walker: un destino beffardo

Paul Walker

La vettura andò rovinosamente a sbattere contro un lampione di cemento e due alberi e finì divorata dalle fiamme. Rodas perì per traumi multipli, mentre Paul Walker, 40 anni, per gli effetti combinati di ustioni e traumi. Entrambi i corpi furono totalmente bruciati ma il loro riconoscimento fu comunque possibile.

L’inchiesta condotta dalle Forze dell’Ordine portò a concludere che la velocità del mezzo era tra i 130 e i 150 km/h, che, unità all’eccessiva usura delle gomme, fu la principale causa della tragedia.

Con le riprese di Fast and Furious 7 in corso al momento della scomparsa di Walker, la Universal annunciò una pausa a tempo indeterminato per la produzione, poi conclusa, una volta parlato con i familiari dell’interprete.

Paul Walker Cinematographe

Paul Walker viveva a Santa Barbara con la figlia Meadow (1998), avuta dalla relazione con l’ex fidanzata Rebecca Soteros. Era un surfista e cintura marrone di Jiu Jitsu brasiliano (quella nera assegnata postuma).

Aveva un cuore nobile: nel marzo 2010 raggiunse il Cile per dare una mano ai feriti nel grave terremoto a Constitución. Inoltre, con la Reach Out Worldwide, la sua fondazione a scopo benefico, volò ad Haiti per aiutare la popolazione locale, sconvolta, a sua volta, da un evento sismico di immani proporzioni.

Appassionato di motori, disputò, fra l’altro, alcune gare al volante e possedeva una grande collezione di auto (circa 30 esemplari).

Sul set aveva debuttato a tredici anni e conseguito la fama soprattutto per il ruolo di Brian O’Conner nel franchise Fast and Furious. Al fianco di Penelope Cruz recitò nel film Un amore sotto l’albero (2004), insieme a Jessica Alba in Trappola in fondo al mare (2005), e, sotto la regia di Clint Eastwood, in Flags of Our Fathers (2006).

Leggi anche L’avete riconosciuto Lino Guanciale da piccolo? Era un diligente scolaretto!

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Paola Lavini: “Sono la Divina Maria Callas in TV e a teatro”

L’abbiamo vista nel film pluripremiato Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti sulla vita di Antonio Ligabue nel ruolo di Pina...

Articoli correlati