Lars von Trier shock: il film-maker è malato di Parkinson!

L'informazione ufficiale arriva dalla casa di produzione dell'autore, Zentropa.

Lars von Trier (vero nome Lars Trier) è un noto regista e sceneggiatore danese, tra i più controversi del cinema attuale. Il film-maker originario di Copenaghen, facente parte del movimento cinematografico Dogma 95 (ora ufficialmente concluso) insieme ad altri autori come Thomas Vinterberg, James Merendino e Susanne Bier, ha regalato al pubblico grandi titoli come Dancer in the Dark (2000), Antichrist (2009), Melancholia (2011) sempre caratterizzati da elementi onirici e fortemente simbolici che rendono il cineasta respingente per un determinato tipo di utenza. Dopo l’uscita del suo ultimo lungometraggio, La casa di Jack, nel 2018, di recente è stato annunciato il ritorno dell’artista direttamente alla Biennale 2022.

Lars Von Trier

Lars von Trier è tornato al cinema nel 2018, con La casa di Jack

Difatti è stato ufficializzato che direttamente alla Mostra internazionale d’arte cinematografica verrà presentata fuori concorso, insieme a Copenaghen Cowboy di Nicolas Winding Refn (Too Old to die Young, Drive), la terza stagione di The Kingdom di Lars von Trier, The Kingdom Exodus che torna dopo l’apprezzamento delle prime due. Purtroppo, però, a quanto pare, non tutto è rose e fiori per l’artista: come riportato dal Copenaghen Post, infatti, è stato svelato che von Trier è malato del morbo di Parkinson. L’informativa, che arriva direttamente dalla casa di produzione del film-maker, Zentropa, chiarisce che “Lars è di buon umore ed è in cura per i suoi sintomi – e gli è stato somministrato un trattamento in modo che possa completare Riget Exodus”.

The Kingdom - Il regno - Cinematographe.it

Inoltre, a causa del problema di von Trier, “il regista e sceneggiatore prenderà parte alle interviste solo in misura limitata fino alla premiere nel corso dell’anno”. Una situazione decisamente delicata per il tanto apprezzato autore che ci auguriamo possa migliorare il più velocemente possibile le sue condizioni di salute.

Leggi anche Lars Von Trier, il processo creativo e la sua malattia: “ho usato i film come motivo per alzarmi dal letto”

Articoli correlati