La Luna sulla Magliana - cinematographe.it

La Luna sulla Magliana documentario girato durante la pandemia nel quartiere della Magliana con protagonisti giovani di 13 anni sarà presentato nella selezione ufficiale dell’i-Fest International Film Festival 2020

La Luna sulla Magliana, nato come esperimento e realizzato all’interno del progetto Apebook. Libri media e cinema in periferia, è un documentario girato durante la pandemia nel quartiere romano della Magliana con ragazzi e donne di origine straniera. Selezionato all’i-Fest International Film Festival del 2020, il film è scritto, diretto e interpretato a più mani da Serena Ruggiero, Ilham Bazak, Francesca Luciani, Sara Piancastelli, Flavio Civili, Chiara Manalo, Cristina Manzone, Sara Cacciapuoti, Silvia Scipioni e Haiam Talaat. La Luna sulla Magliana è stato inoltre scelto tra i 5 finalisti della sezione Young Talents for Cinema, iniziativa organizzata in collaborazione con Rai Cinema Channel e rivolta agli studenti per promuovere la produzione di opere audiovisive tra i giovanissimi.

Le opere selezionate verranno poi pubblicate sulla piattaforma Rai Cinema Channel e riceveranno il premio i-Fest Award, all’interno dell’i-Fest International Film Festival che propone sempre uno sguardo al cinema del futuro e alle Nuove Tecnologie. Il documentario verrà proiettato il 19 settembre 2020 all’interno del Castello Aragonese di Castrovillari, in provincia di Cosenza, alle ore 17:00, con accesso su prenotazione obbligatoria e consentito solo ai giovani under 18. Alla proiezione seguirà una masterclass gratuita sui mestieri del cinema condotta da Massimiliano Bruno e Stefano De Sando. La Luna sulla Magliana alterna un doppio utilizzo per la sua realizzazione: strumenti professionali e smartphone, rompendo così la quarta parente, facendo sì che i personnagi parlino e raccontino direttamente al proprio pubblico. Il progetto era già in fase di sviluppo e lavorazione prima della pandemia, ma con l’espandersi dell’emergenza Coronavirus e il successivo lockdown, entrambi sono diventanti i temi principali di un documentario dove i protagonisti sono degli adolescenti prossimi all’esame di terza media, tra emozioni e paure, ma ancora pieni di speranza verso un futuro incerto e, in passato, inimmaginabile.

La Luna sulla Magliana - cinematographe.it

Sinossi: Serena ha 14 anni, una passione per la luna e l’idea di fare la regista da grande. Per realizzare il suo sogno vuole iscriversi al Cine-tv Rossellini mentre i genitori e alcuni insegnanti la vorrebbero al liceo classico. Per mettersi alla prova Serena frequenta un corso di cinema nel quartiere Magliana con alcuni compagni di classe e con la loro professoressa di Italiano e Storia. Durante il corso i ragazzi si intervistano, intervistano donne straniere e intervistano la professoressa scoprendo mondi e storie inaspettate. Serena conosce Ilham, giovane donna marocchina che vive in un edificio occupato alla Magliana con suo marito Abdul e suo figlio di 15 mesi Adam. Ilham vuole portare in Italia l’altro figlio di 7 anni che ha dovuto lasciare con la nonna in Marocco e che non vede da due anni. Ilham cerca un lavoro ma non avendo il permesso di soggiorno nessuno la vuole. Mentre Serena e i suoi compagni stanno preparando l’esame di terza media scoppia l’emergenza Covid-19. Improvvisamente tutti si ritrovano isolati in casa per il lockdown. Durante la quarantena Serena termina la sua opera sulla luna. I ragazzi si afflosciano con la didattica a distanza, le relazioni sono messe a dura prova. Il giorno della consegna ufficiale degli argomenti di esame Serena entra in crisi scoprendo che il suo compagno di classe le ha copiato l’idea della luna con la sua poesia preferita di Leopardi. Nella fase 2 dell’emergenza Covid-19 Serena esce nel quartiere per continuare a filmare, incontra Ilham che sta andando a fare una prova di lavoro presso un’anziana. Forse grazie all’emergenza Covid il governo approverà la legge per regolarizzare gli immigrati irregolari impiegati in agricoltura e in servizi domestici. Forse Ilham otterrà un contratto regolare di lavoro e riavrà con sé in Italia il figlio più grande. Intanto la luna sulla Magliana continua a splendere indifferente e lontanissima.