L’avete riconosciuta? Qui si atteggiava già da diva, da grande non è cresciuta molto ma è diventata una star paragonabile a Madonna

Si è consacrata nelle vesti di cantante, ma non ha sfigurato nemmeno davanti alla macchina da presa.

Nella botte piccola c’è il vino buono! Alta soli 152 cm, non si può di certo dire che alla bassa statura corrispondano mediocri qualità artistiche. Il punto di riferimento? Madonna. Basta sentirne qualche canzone ed è evidente l’influenza di lady Ciccone sullo stile di Kylie Minogue. Sebbene fare paragoni con l’indiscussa regina del pop rischi sempre di risultare un azzardo, questo è uno dei pochi casi dove il paragone regge.

Kylie Minogue: le apparizioni al cinema e in tv

Kylie Minogue che sorride

Kylie Minogue è nata il 28 maggio 1968 a Melbourne, in Australia. Con 15 album in studio e oltre 30 anni di carriera, occupa un posto di primo piano nell’élite delle cantanti emerse a partire dagli anni Ottanta. A consentirle di entrare nel gotha tanti singoli di successo, tra cui spicca Can’t Get You Out of My Head del 2001, estratto dal disco Fever, che ha venduto circa 12 milioni di copie a livello internazionale.

Il volto di Kylie Minogue è familiare anche agli appassionati di cinema e serie tv. Difatti, in più di un’occasione ha preso parte a produzioni piuttosto importanti. Dopo aver recitato in 8 episodi dei Sullivans durante la seconda metà dei Seventies, ha avuto una lunghissima esperienza (ben 342 puntate!) nella soap Neughbours.

Kylie Minogue cantante

Per quanto attiene all’industria del grande schermo, Kylie Minogue ha debuttato nel 1989, in The Delinquents. La ricordiamo comunque soprattutto nei panni del luogotenente Cammy White, indossati in Street Fighter – Sfida finale, pellicola del 1994 diretta da Steven E. de Souza, con protagonisti Jean-Claude Van Damme e Raul Julia. È, inoltre, apparsa nei lungometraggi Moulin Rouge! (2001), Jack & Diane, Holy Motors (2012) e San Andreas (2015). A lei il regista William Baker ha dedicato il documentario White Diamond.

Leggi anche Amber Heard non ci sta: “Questo processo è penoso. Vengo minacciata e umiliata ogni giorno”

Articoli correlati