Justice League: la rivelazione! Ecco perché Zack Snyder ha lasciato il film

Il regista spiega per quale motivo abbia abbandonato la pellicola.

Da leggere

L’avete riconosciuto? Ha fatto utilizzo di stupefacenti, è stato tormentato da uno psicopatico e sua sorella ha tentato più volte il suicidio

Il ragazzo in fotografia è ad oggi uno dei personaggi del mondo dello spettacolo più amati. Per chi non...

Batwoman stagione 2: online un nuovo e sensazionale poster!

La stagione in corso di Batwoman, la seconda, ha già mostrato tante novità rispetto alla prima, interpretata da Ruby...

Spider-Man deepfake: Tom Holland diventa Tobey Maguire! [VIDEO]

Tom Holland è stato recentemente "trasportato" nel mondo si Spider-Man creato da Sam Raimi Spider-Man è certamente uno di quei...

Il regista di Justice League, Zack Snyder, ha deciso di spiegare perché ha lasciato la pellicola

Justice League sta per tornare nella versione di Zack Snyder, il regista originale della pellicola, la cui uscita è stata rovinata da reshoot fatti senza cognizione e voluti da Warner Bros. Ci sono state moltissime ipotesi riguardo il perché il regista abbia abbandonato lo sviluppo della storia, per la quale aveva speso molto tempo ed energia (dal momento che aveva in mente un vero e proprio universo condiviso per i personaggi della Detective Comics).

La ragione ufficiale dell’abbandono da parte del cineasta fu il lutto per la perdita della figlia adolescente, Autumn, avvenuta proprio durante le riprese della pellicola. Adesso vediamo cosa ha svelato lui, Zack Snyder, sul motivo che l’ha spinto a lasciare il lavoro a metà. Le sue parole, in un’intervista rilasciata a Sean O’Connell per l’arrivo dello Snyder’s Cut, attesissimo dai fan:

Avevo appena finito (le riprese). Ero in un momento in cui [sapevo] che la mia famiglia aveva bisogno di me e io dovevo pensare a loro e non ad altro. Dovevo fare in modo di guarire quella parte del mio mondo. Non avevo l’energia per combattere [lo studio], e lottare per [il film]. Letteralmente, energia zero. Penso davvero che sia stata questa la ragione principale. Penso che ci sia un mondo (parallelo) in cui sono rimasto e ci ho provato fino alla fine. E Sono sicuro che avrei potuto farlo … perché ogni film è una lotta, giusto? Ci ero abituato. Ma semplicemente non avevo [l’energia]. Non c’era forza per la lotta in me. Ero stato abbattuto da ciò che stava succedendo nella mia vita e semplicemente non volevo, non mi importava … era più o meno quello lo stato d’animo in cui mi trovavo.

Questa nuova spiegazione di Snyder sembra certamente implicare molto di più riguardo l’evidente attrito tra lo studio e il regista. Non era un fattore di scarsa rilevanza, quindi. Nel 2017, quando fu annunciato che Snyder era fuori da Justice League e Whedon stava subentrando al suo posto, la spiegazione del regista era stata molto più diplomatica quando si è trattato di menzionare lo studio:

Nella mia testa pensavo che fosse una cosa catartica tornare al lavoro, seppellirmi nell’impegno e vedere se andava bene. Ma le richieste di questo lavoro sono piuttosto intense. È divorante. E negli ultimi due mesi sono arrivato alla conclusione … ho deciso di fare un passo indietro rispetto al film per stare con la mia famiglia, con i miei figli, che hanno davvero bisogno di me. Stanno tutti attraversando un periodo difficile. Io sto attraversando un momento difficile.

SourceComicbook

Ultime notizie

L’avete riconosciuto? Ha fatto utilizzo di stupefacenti, è stato tormentato da uno psicopatico e sua sorella ha tentato più volte il suicidio

Il ragazzo in fotografia è ad oggi uno dei personaggi del mondo dello spettacolo più amati. Per chi non...

Articoli correlati