Joker: il regista svela come è riuscito a coinvolgere Joaquin Phoenix

Joaquin Phoenix inizialmente non era molto convinto di interpretare un villain dei fumetti...

Da leggere

Squid Game: 8 teorie fan svelano significati incredibili sulla serie Netflix

Squid Game è l'ultimo grande successo targato Netflix. La serie TV coreana è senza dubbio uno dei prodotti più...

Il codice da un miliardo di dollari: la storia vera dietro la serie Netflix

Il codice da un miliardo di dollari, miniserie tedesca creata da Oliver Ziegenbalg e Robert Thalheim, è la storia...

Dalgona biscuits: ricetta e origine del biscotto di Squid Game

Se siete iscritti a TikTok avete visto sicuramente nei vostri Per Te tanti video di tiktokers più o meno...

Block title

Todd Phillips ha rivelato che non è stato molto semplice convincere Joaquin Phoenix a partecipare da protagonista in Joker.

Todd Phillips ha davvero deciso le sorti della stagione cinematografica con il suo Joker, considerato come il film continui ad accumulare premi. Questa settimana il regista ha raccontato a Deadline il suo processo di reclutamento di Joaquin Phoenix nel progetto. L’attore inizialmente non era molto entusiasta della storia del fumetto ma con un po’ di persuasione è stato coinvolto in questo progetto vincente. Il risultato è stato un vero e proprio successo per la Warner Bros., mentre il mondo aspetta di vedere se Joker può catturare il miglior film. “Gli piaceva lo spirito di quello che era il film, una sorta di film contro i fumetti o altro”, cominciò Phillips. “Comunque lo volesse classificare. Rispondeva solo allo spirito, ma non era nemmeno uno che avrebbe mai pensato di essere in un film a fumetti. Credo, non voglio dirlo con certezza. Sono sicuro che in passato abbia avuto occasione di rifiutare questo genere di film. Quindi, quella sua iniziale convinzione è stata il più grande ostacolo”.

“Ha letto il copione, l’ha capito. Ha anche capito che non era un film a fumetti, ma è lo stesso punto”, ha aggiunto. “Si chiamava comunque Joker. Abbiamo avuto diversi incontri per mesi. E prima che lui accettasse di farlo, sono stati necessari tre o quattro mesi e un sacco di domande. Credo che in parte fosse lui che mi sentiva appassionato, naturalmente, e parlava dell’atmosfera e del tono. “Come sarà e come lavorerò? Qual è l’approccio?’ È stata molto dura, ma è stato fantastico ed è stato davvero il miglior modo per prepararsi. Ci ha davvero aiutato molto lungo la strada, ne sono davvero convinto”.

ViaCB

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Squid Game: 8 teorie fan svelano significati incredibili sulla serie Netflix

Squid Game è l'ultimo grande successo targato Netflix. La serie TV coreana è senza dubbio uno dei prodotti più...

Articoli correlati