Johnny Depp: niente richiesta di ricorso per il caso di diffamazione

Johnny Depp ha perso il ricorso per contestare la sentenza della causa contro il tabloid The Sun, che lo aveva definito un "picchiatore di moglie".

Da leggere

Guardiani della Galassia Vol. 3 sarà probabilmente la fine del simpatico Drax

Guardiani della Galassia Vol. 3 arriverà nelle sale il 5 maggio 2023 negli USA Guardiani della Galassia Vol. 3, come...

Army of the Dead: domani arriveranno dettagli sul film, parola di Snyder

Army of the Dead mischia l'action con l'horror Army of the Dead è il nuovo folle e ambizioso lungometraggio di...

The Magic Order: la serie Netflix di Mark Millar è tornata in produzione

The Magic Order è in produzione da ottobre 2020 The Magic Order è un'iniziativa davvero peculiare: nato come progetto fumettistico...

Johnny Depp perde la battaglia per diffamazione contro il The Sun

Johnny Depp ha perso il ricorso per contestare la sentenza dell’Alta Corte del Regno Unito secondo cui è stato violento con la sua ex moglie Amber Heard. L’anno scorso l’attore ha intrapreso una causa per diffamazione contro l’editore del quotidiano The Sun per un articolo del 2018 che l’aveva definito un “picchiatore di moglie”. Depp ha affermato che le accuse di violenza domestica di Heard erano “una bufala coreografata”. Tuttavia, il giudice Andrew Nicol ha scoperto che Depp era stato violento nei confronti di Heard in almeno 12 occasioni e ha respinto il suo caso.

Depp ha così chiesto il permesso di fare ricorso, sostenendo che il giudice non aveva valutato adeguatamente le prove e chiedendo un nuovo processo. Il team legale dell’attore ha cercato di introdurre nuove prove, che secondo loro hanno minato la credibilità della Heard come testimone. L’avvocato di Depp, Andrew Caldecott, ha detto che l’attrice di Aquaman ha detto una “bugia calcolata e manipolativa” in una promessa di donare il suo risarcimento per il divorzio di 7 milioni di dollari in beneficenza, sostenendo che il denaro non era stato ancora pagato. “Se la verità sulla richiesta di beneficenza fosse emersa al processo, avrebbe influenzato materialmente la considerazione del giudice delle prove della signora Heard“, ha detto Caldecott.

Gli avvocati del News Group Newspapers, editore di The Sun, hanno affermato che le prove avrebbero potuto essere presentate durante il processo originale e non avrebbero avuto un impatto sull’esito del caso. “Data la ricchezza di prove, è chiaramente sbagliato suggerire che le informazioni secondo cui la signora Heard non aveva ancora finito di pagare 7 milioni di dollari in beneficenza avrebbe fatto la minima differenza per l’esito di questo caso”, hanno detto. Hanno affermato che Amber Heard intende donare i soldi in 10 anni.

Giovedì, la Corte d’Appello ha rifiutato a Depp il permesso di appellarsi contro la sentenza del giudice Nicol. I giudici d’appello, James Dingemans e Richard Arnold, hanno dichiarato: “La prima udienza è stata completa ed equa, e ha fornito motivazioni approfondite per le sue conclusioni che non hanno dimostrato di essere viziate da alcun errore”.

In una dichiarazione l’avvocato di Depp Joelle Rich dello studio legale Schillings ha dichiarato: “Le prove presentate all’udienza della scorsa settimana dimostrano ulteriormente che ci sono ragioni chiare e obiettive per mettere seriamente in dubbio la decisione presa dal tribunale del Regno Unito. Il Sig. Depp attende con impazienza di presentare la prova completa e inconfutabile della verità nel caso per diffamazione degli Stati Uniti contro la signora Heard, dove dovrà fornire la piena verità”.

Depp sta combattendo un’altra battaglia per diffamazione negli Stati Uniti, dove sta facendo causa personalmente alla ex moglie per un suo articolo di opinione pubblicato sul Washington Post nel 2018, in cui lei affermava di essere vittima di abusi domestici, ma in cui non menzionava Depp. Il suo caso da 50 milioni di dollari è stato recentemente rinviato fino all’aprile del 2022.

Ultime notizie

Guardiani della Galassia Vol. 3 sarà probabilmente la fine del simpatico Drax

Guardiani della Galassia Vol. 3 arriverà nelle sale il 5 maggio 2023 negli USA Guardiani della Galassia Vol. 3, come...

Articoli correlati