Johnny Depp: in aula scappa la domanda sul “milione di alpaca” e l’attore scoppia a ridere [VIDEO]

Johnny Depp non tornerebbe in Pirati dei Caraibi nemmeno per un "milione di alpaca"! La domanda posta in aula ha scatenato le risate

Durante una nuova giornata del processo per diffamazione tra gli ex coniugi Johnny Depp e Amber Heard, la star di Pirati dei Caraibi ha trovato particolarmente esilarante una domanda posta durante la testimonianza di un dirigente Disney.

In una deposizione preregistrata presentata alla corte giovedì (19 maggio), Tina Newman – che lavora al franchise dei Pirati dei Caraibi – è stata interrogata sul futuro di Depp in un potenziale sesto film del fruttuoso franchise piratesco. “Sapete se il signor Depp è stato preso in considerazione per un ruolo in Pirati 6?”, ha chiesto l’avvocato di Amber Heard. Al che Newman ha risposto “non so”, aggiungendo che “la decisione non rientra nelle mie responsabilità lavorative. È al di sopra del mio livello di paga”.

L’avvocato ha continuato dicendo: “La Disney è consapevole del fatto che il signor Depp ha testimoniato sotto giuramento che non avrebbe accettato un altro ruolo nel franchise dei Pirati dei Caraibi nemmeno per 300 milioni di dollari e un milione di alpaca?”. Il dirigente Disney ha di nuovo risposto “no”.

Quando è stato ulteriormente chiesto se la Disney fosse interessata a considerare di “pagare il signor Depp più di 300 milioni e fornendogli più di un milione di alpaca per poter ottenere i suoi servizi per qualsiasi futuro ruolo in Pirati dei Caraibi”, Johnny Depp e il suo avvocato sono scoppiati a ridere, come si può vedere in questo video:

Leggi anche Johnny Depp e la colazione preparata ai fan appostati fuori dal tribunale: “Waffle per tutti”

Johnny Depp ha citato in giudizio l’ex moglie per 50 milioni di dollari per aver insinuato di averla abusata, in un editoriale scritto nel 2018 per il Washington Post sulla violenza domestica, sostenendo che l’articolo gli ha chiuso diverse porte lavorative e fatto perdere ingaggi da milioni di dollari. Nell’articolo in questione Amber Heard si riferisce a se stessa come a una “persona pubblica che rappresenta i sopravvissuti agli abusi domestici”, senza però mai fare menzione di Depp. Heard sta contrattaccando con una causa da 100 milioni, accusando Depp di aver orchestrato una “campagna diffamatoria” contro di lei e descrivendo la sua causa come una continuazione di “abusi e molestie”.

Articoli correlati