Daniel Craig mette in guardia il prossimo James Bond: “Non fare cazzate”

No Time to Die - ultima pellicola di Craig nei panni di 007 - è attualmente nelle sale italiane.

Nel podcast di Kevin Hart, Daniel Craig non si è però sbilanciato sul suo successore

Daniel Craig ha vestito i panni di James Bond per ben cinque film e per circa quindici anni. La sua ultima fatica nei panni dell’agente segreto, No Time to Die, è attualmente nelle sale. La ricerca del suo successore, invece, è ancora in atto. Per questo, nel corso di un’intervista promozionale del film – a cura di Kevin Hart per SiriusXM – gli è stato chiesto di dare alcuni consigli al prossimo 007. La risposta, diretta e sfacciata, non si è fatta attendere:

Ci sono un paio di cose che direi. La prima è non fare cazzate. La seconda è che devi prendere il personaggio e farlo tuo. Penso che questo sia il modo di andare avanti. Mi sono impegnato al massimo e ho cercato di elevarlo il più possibile. Spero di averlo lasciato in un buon posto e che il prossimo attore voglia farlo volare.

Nel corso della chiacchierata, Craig ha anche messo in luce la capacità della saga di James Bond di seguire e adattarsi alle varie epoche ma, allo stesso tempo, di anticipare politiche, stili, mode e musica. Ha anche dichiarato di essere molto soddisfatto che No Time to Die sia stato rilasciato in sala, nonostante i vari ritardi dovuti alla pandemia da Coronavirus. Secondo l’attore, infatti, grandi film evento come le pellicole della saga possono contribuire a salvare i cinema. Alla domanda su chi potrebbe essere il prossimo 007 Daniel Craig non è riuscito però a rispondere:

Non è un mio problema. Ho già troppe cose a cui pensare e questo è un rompicapo. Non ne ho bisogno. Chiunque venga scelto, sarà fantastico. E io stavolta sarò al cinema con i miei popcorn e un drink a godermi lo spettacolo, non vedo l’ora.

No Time to Die è disponibile nei cinema italiani dal 30 settembre. Oltre a Daniel Craig, il cast è composto da Lèa Seydoux, Naomie Harris, Rami Malek, Ralph Fiennes, Ben Whishaw, Ana de Armas e Lashana Lynch.

Articoli correlati