Il Silenzio degli Innocenti: Jodie Foster provò “un brivido” sul set del film

Il film diretto da Jonathan Demme uscì al cinema nel 1991 e conquistò 5 Oscar, tra qui quelli come Miglior attrice e Miglior attore protagonista vinti da Jodie Foster ed Anthony Hopkins.

Da leggere

Spider-Man: No Way Home, il regista rivela: “È l’Endgame di Spider-Man”

"È come uno Spider-Man: Endgame" spiega il regista Jon Watts a Empire L'atteso prossimo film con protagonista il "lancia ragnatele"...

Timothée Chalamet: è venuto alla luce un particolare segreto sul suo passato

Timothée Chalamet è il protagonista del nuovo Dune nei panni di Paul Atreides Timothée Chalamet ha un passato oscuro che...

Masters of the Universe: Revelation – nel trailer della Parte 2 la battaglia tra bene e male si fa monumentale!

Masters of the Universe: Revelation ha debuttato su Netflix il 23 luglio 2021 Masters of the Universe: Revelation ha riportato...

Block title

In occasione dei 30 anni de Il Silenzio degli Innocenti, Jodie Foster ha ricordato le sensazioni provate durante le riprese del film

Il 30 gennaio saranno trascorsi esattamente trent’anni da quando Il Silenzio degli Innocenti debuttava sul grande schermo, in occasione della premiere organizzata a New York. Il film diretto da Jonathan Demme è divenuto uno dei titoli più apprezzati della storia del cinema, soprattutto grazie alla performance dei suoi due protagonisti, Jodie Foster ed Anthony Hopkins. Proprio i due attori si sono riuniti questa settimana, tramite Variety, per celebrare questo importante anniversario ed è in questa occasione che Foster ha ricordato le sensazioni provate quando ha visto per la prima volta Hopkins calarsi nella parte di Hannibal Lecter.

Non siamo riusciti a parlare molto prima dell’effettiva lettura del copione”, ha detto Foster riguardo il suo primo incontro con Hopkins. “Ci siamo salutati e poi ci siamo seduti al tavolo. E quando ti sei calato nella parte di Hannibal, ho sentito un brivido entrare nella stanza. In un certo senso, dopo era come se avessimo troppa paura di parlarci”. Anche Hopkins ha richiamato alla mente il momento in cui ha sentito di padroneggiare nel modo giusto il suo ruolo. “Ero nervoso, un gallese come me doveva interpretare un serial killer americano. E ricordo il regista quando mi ha detto ‘Oh, mio ​​Dio. Questo è tutto, Hopkins. Sei così strano!’ e poi volevano che la ragazza delle luci entrasse nella mia cella, ed io la guardai e le dissi ‘Cosa stai facendo nella mia cella?’ e Jonathan esclamò ‘Oh, mio ​​Dio!’ e quindi capii di aver premuto il pulsante giusto”.

Leggi anche: Avete mai visto la casa in cui Anthony Hopkins ha vissuto per 20 anni? Ha resistito a un vasto incendio ma non è certo adatta a chi soffre di vertigini…

Durante il dialogo con il collega, Jodie Foster ha anche spiegato di non essersi sentita sempre a suo agio con il mondo della recitazione: “Mi sentivo come se non avessi mai avuto la personalità di un attore. Con mio grande dispiacere, non mi viene naturale o facile. Sono molto più una lettrice, una giocatrice di scacchi. Almeno una volta alla settimana dico: ‘Oh, non reciterò mai più’. Ma poi ti attira di nuovo”.

Sourceetcanada

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Spider-Man: No Way Home, il regista rivela: “È l’Endgame di Spider-Man”

"È come uno Spider-Man: Endgame" spiega il regista Jon Watts a Empire L'atteso prossimo film con protagonista il "lancia ragnatele"...

Articoli correlati