Il Signore degli Anelli: per salvare il film da Harvey Weinstein venne pubblicata la sceneggiatura

Ecco spiegata la battaglia tra Peter Jackson e Harvey Weinstein durante lo sviluppo iniziale della trilogia de Il Signore degli Anelli!

Da leggere

Sex Education: Gillian Anderson spera che i figli non guardino mai la serie

Gillian Anderson di Sex Education di Netflix non vuole che i figli guardino la celebre serie, ecco perché! Gillian Anderson...

Dangerous Old People: recensione della docuserie Sky

Dangerous Old People, nuova docuserie Sky nata da un concept di Roberto Saviano con la produzione di Indigo Film...

Chris Pratt sarà Super Mario: “Un sogno che diventa realtà”

Ecco come Chris Pratt ha deciso di festeggiare il suo prossimo ruolo: Super Mario! La star di Hollywood Chris Pratt...

Il team de Il Signore degli Anelli aveva fatto trapelare la sceneggiatura per allontanare il franchise da Harvey Weinstein

La battaglia tra Peter Jackson e Harvey Weinstein durante lo sviluppo iniziale della trilogia de Il Signore degli Anelli è stata raccontata in un nuovo saggio di Polygon scritto dal giornalista cinematografico Drew McWeeny. Weinstein si è assicurato i diritti dei romanzi di JRR Tolkien per Jackson tramite la Miramax, ma lo sviluppo dei film con Weinstein si è rivelato subito molto difficile poiché il produttore ha richiesto che i romanzi venissero adattati in soli due film con un budget di 75 milioni di dollari. Weinstein ha nascosto il limitato budget a Peter Jackson per almeno un anno e mezzo. Quando il team dietro la trilogia cinematografica ha scoperto il limite finanziario ha preso in mano la situazione facendo trapelare in segreto la sceneggiatura.

il signore degli anelli, cinematographe.it

All’epoca in cui Jackson e Weinstein stavano sviluppando Il Signore degli Anelli, McWeeny lavorava come scrittore per Ain’t It Cool News. Nel suo saggio su Polygon McWeeny racconta di come venne in possesso della sceneggiatura dei due film, fatta trapelare dalle persone che lavoravano agli studi WingNut e WETA. La speranza della troupe era che qualcuno notasse la qualità della sceneggiatura e che si facesse avanti per produrre il film, salvandoli dal limitato budget di Weinstein. Infatti, La New Line Cinema era già interessata ad accettare il progetto, e l’aver fatto trapelare la sceneggiatura su Ain’t It Cool News, fu un tentativo per spingere lo studio verso la giusta direzione.

McWeeny scrive per Polygon che: “Peter Jackson aveva già avuto qualche contatto con Ain’t It Cool a quel punto e c’erano molte persone all’interno di WingNut e WETA che ci stavano contattando. Avevano la certezza di poter creare qualcosa di eccezionale ed erano preoccupati di non essere in grado di trovare uno studio disposto a farsi avanti. Quindi è stata presa la decisione di far trapelare gli script a Ain’t It Cool in modo che nessuno si potesse prendere la colpa. Non provenivano direttamente da nessuno e nessuno ci ha mai chiesto ufficialmente di pubblicarli, quindi se mai fossi stato interrogato in merito, avrei potuto dire onestamente che non erano stati Peter e Fran [Walsh, co-autrice della sceneggiatura ndr]”.

La New Line alla fine è intervenuta per salvare Il Signore degli Anelli dalle mani di Weinstein e della Miramax, anche se Weinstein e il fratello Bob rimasero accreditati come produttori esecutivi. Sotto la New Line, il regista Peter Jackson venne incoraggiato a espandere il franchise in una trilogia. Il resto è storia.

Il Signore degli Anelli: 16 foto dietro le quinte che cambieranno tutto

Leggi anche – Il Signore degli Anelli: Viggo Mortensen rivela la misteriosa scena che “non è nemmeno nelle edizioni estese”

Ultime notizie

Sex Education: Gillian Anderson spera che i figli non guardino mai la serie

Gillian Anderson di Sex Education di Netflix non vuole che i figli guardino la celebre serie, ecco perché! Gillian Anderson...

Articoli correlati