Vi sveliamo in esclusiva su Cinematographe.it – FilmIsNow una clip tratta da Il Signor Diavolo, che vede il giovane protagonista Carlo al fianco del misterioso Emilio

Pupi Avati torna dietro la macchina da presa dopo Un ragazzo d’oro per dirigere l’horror Il Signor Diavolo, in arrivo nelle nostre sale il prossimo 22 agosto.

Ambientato in Veneto, tra i paesaggi lagunari, agli inizi degli anni Cinquanta, il film segue le vicende di un giovane e di un terribile omicidio, la cui vittima è un adolescente.
A vestire i panni del protagonista de Il Signor Diavolo è il giovane Filippo Franchini, mentre accanto a lui nel cast troveremo Gabriele Lo Giudice, Cesare S. Cremonini, Massimo Bonetti, Lino Capolicchio, Chiara Caselli, Gianni Cavina, Alessandro Haber e Andrea Roncato.

Scopriamo insieme qualche dettaglio in più con la clip in esclusiva tratta dal film che mostra il giovane Carlo mentre va a casa del terribile Emilio per riferirgli un messaggio importante, tra atmosfere cupe e suggestioni spaventose.

Autunno 1952. Nel nord est è in corso l’istruttoria di un processo sull’omicidio di un adolescente, considerato dalla fantasia popolare indemoniato. Furio Momentè, ispettore del Ministero, parte per Venezia leggendo i verbali degli interrogatori. Carlo, l’omicida, è un quattordicenne che ha per amico Paolino. La loro vita è serena fino all’arrivo di Emilio, un essere deforme figlio unico di una possidente terriera che avrebbe sbranato a morsi la sorellina. Paolino, per farsi bello, lo umilia pubblicamente suscitando la sua ira: Emilio, furioso, mette in mostra una dentatura da fiera. Durante la cerimonia delle Prime Comunioni, Paolino nel momento di ricevere l’ostia, viene spintonato da Emilio. La particola cade al suolo costringendo Paolino a pestarla. Di qui l’inizio di una serie di eventi sconvolgenti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction. Inoltre puoi partecipare alle nostre iniziative e vincere tanti premi

Grazie da adesso riceverei settimanalmente la nostra newsletter

Qualcosa è andato storto