Il potere del cane: attori etero che interpretano gay? Per Benedict Cumberbatch non è un problema!

Benedict Cumberbatch non ha paura di dire la sua in merito alla questione degli attori etero nel ruolo di personaggi omosessuali.

Da leggere

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Stephen Sondheim – amici e colleghi lo ricordano con affetto: “É la fine di un’era”

Da Hugh Jackman a Steven Spielberg, i tweet più commoventi sulla morte di Stephen Sondheim Stephen Sondheim, leggendario compositore di...

Ho tutto il tempo che vuoi: in esclusiva su RaiPlay il corto sul fenomeno Hikikomori

Ho tutto il tempo che vuoi è diretto da Francesco Falaschi in collaborazione con gli allievi della Scuola di...

Block title

“Non l’ho fatto a cuor leggero” dice Benedict Cumberbatch sulla decisione di interpretare un personaggio gay ne Il potere del cane

Presentato in concorso alla 78. Mostra del Cinema di Venezia, Il potere del cane di Jane Campion ha ricevuto delle recensioni contrastanti da parte della critica. Non è questo il posto per parlare dei suoi pro e dei suoi contro (ma vi invitiamo a leggere la nostra recensione), ma per affrontare un’argomento piuttosto spinoso ad Hollywood: gli attori etero che interpretano personaggi gay, una pratica mal vista dagli attori dichiaratamente gay. Ed è proprio il caso di Benedict Cumberbatch che, nell’evocativo western di Jane Campion, interpreta lo spietato allevatore del Montana Phil, presenza rozza che sviluppa un’inaspettata chimica con Peter (Smit-McPhee), il figlio di una vedova (Kirsten Dunst) che si trasferisce nel ranch dopo aver sposato il fratello di Cumberbatch (Jesse Plemons).

“Sono molto attento alla rappresentazione, alla diversità e all’inclusione”, ha detto Cumberbatch in un’intervista al Telluride Film Festival, dove è arrivato dopo aver incantato le folle al Lido di Venezia. L’attore inglese ha spiegato che uno dei motivi per cui ha accettato il ruolo è che nel personaggio del rude mandriano c’erano “qualcosa di nascosto” e di molto privato. La sessualità del suo personaggio nel film western è ancora un mistero, ma l’attore ha interpretato un personaggio gay anche nel 2014, quando ha interpretato il matematico Alan Turing in The Imitation Game. Dopo questa esperienza l’attore è ben conscio delle critiche rivolte agli etero che portano personaggi gay sullo schermo.

“Non è stato fatto a cuor leggero. La nostra vita deve essere sempre tutta pubblica? Dobbiamo spiegare tutti i nostri momenti privati ​​della nostra storia sessuale? Non credo”, dice Cumberbatch, alludendo al fatto che lui potrebbe non essere etero al 100% e che non si può giudicare qualcuno solo dal suo attuale partner.

Il potere del cane arriverà su Netflix il 1° dicembre 2021.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

Jenny Tamburi e quella spietata malattia che ha portato via l’icona della commedia sexy a soli 53 anni

Tutti la conoscevano come Jenny Tamburi e per anni Luciana della Robbia - vero nome dell'attrice italiana - è...

Articoli correlati