Gunnar Hansen: addio al Leatherface di Non aprite quella porta

Da leggere

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Il Signore degli Anelli: le pressioni subite dal regista sulla trama

Dominic Monaghan (Merry nella trilogia de Il Signore degli Anelli) afferma che Peter Jackson ha subito pressioni dai produttori. Il...

Outer Banks – Stagione 2: recensione della serie tv Netflix

Un anno dopo la prima stagione, esordita durante il lockdown della primavera scorsa, ritroviamo su Netflix le calde e...

Addio alla leggenda dell’horror Gunnar Hansen. Il mondo del cinema non può che rimanere stravolto nell’udire la notizia della morte dell’attore, simbolo del cult Non aprite quella porta. Tutti infatti ricordano il suo volto ricoperto dalla tipica maschera in pelle umana nell’interpretazione di Leatherface, protagonista della famosa saga cinematografica su citata.Un uomo sadico e crudele che se ne va in giro ad uccidere, anche se in realtà non lo fa per cattiveria ma perché crede di essere minacciato.

Gunnar Hansen: addio al Leatherface di Non aprite quella porta

Gunnar Hansen, originario di Reykjavík, in Islanda, nacque il 4 marzo del 1947 e ci ha lasciato il 7 novembre del 2015, all’età di 68 anni, per cause ancira riservate.
Si trasferì negli Stati Uniti all’età di 5 anni assieme alla sua famiglia, inizialmente nel Maine e poi nel Texas, dove frequentò la Stephen F. Austin High School e Università del Texas ad Austin. Nel 1973, subito dopo essersi laureato, ottenne la parte di Leatherface nel film horror Non aprite quella porta. Ad Hansen venne chiesto di reinterpretare Leatherface nel sequel Non aprite quella porta – Parte II, ma rifiutò.
In seguito recitò in molti altri film horror, come The Demon Lover, Mosquito, Hollywood Chainsaw Hookers e Chainsaw Sally, interpretando sempre ruoli primari. Hansen decise però di smettere di recitare e di dedicarsi alla scrittura, ma, dopo aver rifiutato alcune proposte in film di un certo spessore, come Le colline hanno gli occhi e Quel motel vicino alla palude, tornò sui suoi passi.

Un attore che di certo lascia il segno nel mondo del cinema horror, apprezzato sia dalle generazioni passate che da quelle a venire.

Fonte: Shock Till You Drop

Ultime notizie

Bob Odenkirk starà bene dopo il ricovero in ospedale, assicura il figlio

Secondo suo figlio, Bob Odenkirk starà bene e si sta riprendendo dopo essere stato ricoverato in ospedale a causa...

Articoli correlati