Christopher Nolan su 2001: Odissea nello spazio: “un incredibile viaggio”

Direttamente dal Festival di Cannes 2018, il regista Christopher Nolan ha parlato della sua versione restaurata di 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick

Da leggere

L’avete riconosciuto? Ha un nome molto comune, è stato un bambino ribelle ed è stato vittima di un’orrenda mutilazione

Ha avuto la possibilità di lavorare con il mitico Paolo Villaggio Al teatro si è appassionato in tenerissima età, seguendo...

È stata la mano di dio: il film di Sorrentino è il candidato italiano all’Oscar

Nel concorso per il miglior film internazionale, l'Italia sarà rappresentata agli Oscar da È stata la mano di dio,...

A Good Person: due note attrici nel cast del nuovo film di Zach Braff

Il cast di A Good Person, il nuovo film diretto da Zach Braff, si arricchisce della presenza di Zoe...

Block title

Christopher Nolan ha parlato dell’incredibile viaggio sul suo film preferito che ha restaurato, 2001: Odissea nello spazio 

Christopher Nolan non era mai stato al Festival di Cannes ma questo fine settimana era presente per un occasione speciale, celebrare il film che ha maggiormente plasmato la sua vita e la sua carriera, 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick.

50 anni dopo, la celebre pellicola era presente come parte della sezione dei Classici del festival. È stata proiettata in una versione restaurata supervisionata dallo stesso Nolan. Il suo obiettivo primario era quello di restare fedele alla visione di Kubrick e alla tecnologia del periodo presentandola quindi nella versione in 70 mm.

Durante una nuova intervista il regista ha discusso del film che ha fatto la storia del cinema, promettendo al pubblico un viaggio unico attraverso l’evoluzione umana. Disegnando una solco tra la celluloide di allora e il digitale di oggi, ha dichiarato:

È solo un mezzo diverso. I film che sono stati realizzati in modo analogico devono essere presentati in modo analogico.

Christopher Nolan assicura che gli spettatori più giovani saranno attratti in una maniera che il digitale non riesce ancora a fare.

Riguarda il sentimento, l’emozioneIl film rappresenta la migliore analogia in cui vede l’occhio umano. Si tratta del medium più coinvolgente.

Sentimento” ed “emozione” sono parole particolarmente affini al rapporto quarantennale che il regista possiede con 2001: Odissea nello spazio.

La prima volta che ho visto 2001: Odissea nello spazio, avevo sette anni. È stato l’anno dopo che è uscito lo Star Wars di George Lucas. Sulla scia del suo fenomenale successo, 2001 è stato ripubblicato e mio padre mi ha portato a vederlo nel più grande cinema di Londra, il Leicester Square, che aveva una proiezione di 70 mm. Ho avuto questa straordinaria esperienza che mi porto con me da allora, sono stato trasportato in un modo che non avevo realizzato fosse possibile. Appena è iniziato il film sono partito per questo incredibile viaggio. È davvero entusiasmante offrire a questa nuova generazione di appassionati di cinema la stessa esperienza che ho avuto, di starsene lì seduta in soggezione.

A giudicare dalla standing ovation alla fine dei titoli di coda, Nolan ha compiuto la sua missione.

È stato incredibile, no? Ha reso tutto molto bello. E’ stata una bellissima proiezione.

In occasione del suo 50° anniversario, 2001: Odissea nello spazio torna sul grande schermo il 4 e il 5 giugno.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Ultime notizie

L’avete riconosciuto? Ha un nome molto comune, è stato un bambino ribelle ed è stato vittima di un’orrenda mutilazione

Ha avuto la possibilità di lavorare con il mitico Paolo Villaggio Al teatro si è appassionato in tenerissima età, seguendo...

Articoli correlati