Cannes 2015: giorno 5

La giornata di ieri della 68esima edizione del Festival di Cannes si è conclusa con il trionfo assoluto del nostro Nanni Moretti che, con l’intenso Mia Madre ha commosso ed estasiato addetti ai lavori e spettatori, candidandosi ad essere, finora,  il maggior favorito alla Palma d’Oro.

Oggi, però, è il giorno di due altri grandi film in competizione per l’ambito premio: il primo è Carol, per la regia di Todd Haynes e con protagoniste la meravigliosa Cate Blanchett, premio Oscar per Blue Jasmine di Woody Allen e la giovane promessa Rooney Mara, già titolare di una nomination dell’Academy per Uomini che odiano le donne, di Stiegg Larsson. La storia, ispirata al romanzo The Price of Salt di Patricia Highsmith,  è ambientata nella New York degli anni ’50 : Carol (Blanchett), un’affascinante donna intrappolata in un matrimonio alla deriva, incontra in un centro commerciale di Manhattan la giovane ed ambiziosa Therese (Mara), commessa presso uno dei negozi. Tra le due scatta un’immediata intesa, al di là della semplice amicizia tra donne. Quando il marito di Carol scopre la relazione, cerca di salvare il suo rapporto con la donna sfidando le sue competenze di madre. Mentre le due donne si lasciano le loro vecchie vite alle spalle, rifugiandosi nella strada, si troveranno coinvolte in un inevitabile confronto che metterà alla prova la loro considerazione di se stesse e del loro rapporto.

Carol red carpet

Il cast di Carol sul red carpet di Cannes

La pellicola, che ha già raccolto l’ovazione della critica durante le prime proiezioni stampa, ha conquistato la consacrazione definitiva stasera, dopo la premiere delle 19 al Grand Thèâtre Lumière, che ha visto una divina Cate Blanchet indossare un particolarissimo abito haute couture stampato.

Alle 22.15, invece, sarà il turno della première di  Mon Roi, dell’attrice e regista francese Maïwenn; il film drammatico narra il difficile percorso di guarigione fisica e spirituale di Tony (Emmanuelle Bercot) che, dopo un incidente sciistico, si trova bloccata in un letto e dipendente dalle cure del personale medico. Il lungo tempo a disposizione spinge la donna ad interrogarsi sulla natura della turbolenta relazione con George (Vincent Cassel). Chi è l’uomo che ama tanto intensamente? Come ha permesso a se stessa di restare coinvolta in una passione tanto soffocante e distruttiva? Ma soprattutto…riuscirà Vincent Cassel a replicare il successo ed il consenso raccolto per Il racconto dei racconti? Se volete scoprirlo, continuate a seguirci!

Articoli correlati